In arrivo la stangata sulle multe

Rincari attesi dal 1° gennaio 2023

21 settembre 2022
In arrivo la stangata sulle multe

Novità in arrivo per gli automobilisti. Novità pessime, ovvio. Non centra questa volta l'Rc auto ma le multe. Potrebbe, infatti, scattare dal 1° gennaio 2023 un aumento del 10% delle sanzioni pecuniarie previste dal Codice della Strada.

Il dato è stato comunicato dall’Istat prendendo in considerazione l’indice Foi di agosto 2022 rispetto ad agosto 2020 in base al fatto che, secondo l’art. 195 comma 3 del Codice della Strada, le sanzioni amministrative pecuniarie vengono aggiornate ogni due anni in base all’indice dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati relative ai due anni precedenti.

Aumenti Istat 2022 in base agli indici di due anni prima

Partendo da questo indice Istat, il ministero della Giustizia, quello dell’Economia e finanze e quello delle Infrastrutture, fisseranno nella seconda metà di dicembre i nuovi minimi e i massimi delle multe che verranno applicate dal 1° gennaio 2023. E visto che secondo l’Istat la variazione dell’indice Foi ad agosto 2022 è stata pari al +10,4% rispetto allo stesso mese di due anni prima, ecco che l'aumento delle sanzioni pecuniarie per violazioni al Codice della Strada potrebbe arrivare a toccare questo nuovo picco.

Nel calcolo dei nuovi importi, come di quelli precedenti, sarà applicata la regola dell’arrotondamento all’unità di euro per eccesso, se la frazione decimale sarà pari o superiore a 50 centesimi, oppure per difetto, se sarà inferiore.

Il divieto di sosta passa da 42 a 46 euro

Tanto per essere chiari, un aumento del 10,4% determinerebbe l’aumento da 42 a 46 euro per il divieto di sosta, da 83 a 92 euro per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, da 165 a 182 euro per la guida con telefono e per la sosta in stalli per invalidi.

Rincaro da 167 a 184 euro per il passaggio col semaforo rosso, da 173 a 191 euro per circolazione senza revisione, da 543 a 599 euro per guida in stato di ebbrezza. Aumento da 845 a 933 euro per l’eccesso di velocità di oltre 60 km/h rispetto al limite massimo consentito e da 866 a 956 per la mancanza di copertura assicurativa. Infine, rincaro da 5.100 a 5.630 euro per guida senza patente o con patente di categoria diversa.

Incremento più alto dal 1992

Se l'aumento andasse in porto, si tratterebbe dell’incremento più alto dall'entrata in vigore del nuovo Codice della Strada nel 1992. Solo a gennaio 1997 era stato applicato un aumento del 17,5% calcolato, però, su quattro anni anziché su due: le variazioni percentuali seguenti erano rimaste contenute tra +0,1% di inizio 2017 e +5,4% del 2013.

Addirittura, l’ultimo aggiornamento del 31 dicembre 2020 aveva portato per la prima volta a una diminuzione del -0,2%.

L'autore

Leggi gli ultimi articoli sul mondo delle assicurazioni pubblicati da Franco Canevesio.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO