Mediazione e conciliazione

Decreto del fare: no a mediazione obbligatoria, sì a conciliazione paritetica

30 luglio 2013
Mediazione e conciliazione

Il tanto decantato Decreto del fare interviene anche nel panorama delle assicurazioni auto e dice no alla mediazione obbligatoria, soprattutto in caso di controversie sorte in ambito d rc auto, e quindi in riferimento ad eventuali incidenti automobilistici, cioè la voce più importante dell'indice. Viene promossa invece, e alla grande, la conciliazione paritetica che è stata sostenuta con forza e da tempo da Unapass, la rete delle imprese e delle agenzie di assicurazione e dal sindacato degli agenti di assicurazione. “La conciliazione paritetica - spiega  Massimo Congiu, presidente di Unapass - può effettivamente incidere su prevenzione delle liti giudiziali, riduzione delle tariffe e riduzione del costo dei sinistri”.

Voluta fortemente dall'Ivass, la conciliazione paritetica è un metodo di risoluzione delle controversie extragiudiziale che consente alle parti, cioè a consumatore e azienda (ognuno rappresentato da propri delegati) di ricercare la soluzione migliore  per ciascuno, in tempo rapido e in modo economico, evitando di ricorrere in giudizio.

La procedura per la conciliazione paritetica è gratis e non comporta alcun onere al consumatore: l'unica cosa è l'eventuale iscrizione all'Associazione dei consumatori a cui viene conferito il mandato. Nell'Rc auto, questa procedura si applica soprattutto per sinistri di valore che non siano superiori a 15.000 euro. Come? E' semplice. Il danneggiato deve contattare un'associazione a difesa dei consumatori che, a sua volta, attraverso un suo rappresentante, sosterrà la tesi del proprio assistito in camera di conciliazione, laddove sarà presente il delegato della compagnia assicurativa.

Secndo l'Ivass, tutto il procedimento deve concludersi nell'arco di un mese con sollievo dell'intero sistema dell'Rc auto. Primi a goderne dovrebbero essere, sempre secondo Ivass, i soggetti più svantaggiati, cioè gli automobilisti italiani considerati a livello fiscale - e a ragione - i più tartassati d'Europa, come di recente ha ricordato anche il Codacons, secondo cui, “in Italia il premio medio è più del doppio ripetto a quello francese e portoghese e supera dell'80% quello tedesco e del 70% quello olandese”.

di Franco Canevesio

L'autore

Leggi gli ultimi articoli sul mondo delle assicurazioni pubblicati da Franco Canevesio.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO