02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Mondo Assicurazioni

Tempi duri per chi passa col rosso: il T-Red vince sempre

Non sarà più possibile contestare le multe, ecco perchè.

10 maggio 2019
Tempi duri per chi passa col rosso: il T-Red vince sempre

Rc auto e multe sono diventati due temi caldi per gli automobilisti italiani. Soprattutto le multe, sempre piuttosto salate, preoccupano. Sul tema, proprio in questi giorni è arrivata un'altra tegola a pesare sulla testa di chi guida. La Cassazione ha stabilito che gli automobilisti multati col T-Red per essere passati col rosso a un semaforo non hanno più alcuna speranza di farla franca, per esempio inoltrando ricorso al giudice di pace per la mancata indicazione dell'omologazione dell'apparecchio.

Cassazione, “nessun obbligo di taratura per i T-Red”. Più in dettaglio, con l'ordinanza 10.458 pubblicata il 15 aprile 2019, la seconda sezione Civile della Corte di Cassazione ha stabilito che, nel caso in cui l'automobilista abbia bruciato un semaforo e sia stato ripreso dal T-Red, il verbale d'infrazione è valido anche senza il riferimento all'omologazione dell'apparecchio. Secondo gli Ermellini, infatti, non può essere ipotizzato “l'obbligo di sottoporre a una taratura anche gli apparecchi T-Red, i quali non costituiscono strumenti di misurazione”, contrariamente a quanto avviene per gli autovelox. “Il verbale di accertamento dell'infrazione - sostiene sempre la Suprema Corte - non deve dunque contenere l'attestazione che indichi come la funzionalità del singolo apparecchio impiegato sia stata sottoposta a un controllo preventivo e costante durante l'uso”.

Il caso: multa da oltre 153 euro per aver bruciato il rosso. Il caso che ha portato la Cassazione a questa pronuncia riguarda un automobilista che aveva fatto ricorso contro la sanzione da 153,9 euro e decurtazione di sei punti dalla patente di guida che gli era stata comminata dalla Polizia municipale del comune di Campolongo Maggiore, in provincia di Venezia. L'infrazione contestata era il passaggio col rosso a un incrocio: l'automobilista aveva inserito nel ricorso inoltrato alla Cassazione, tra le varie doglianze, proprio la mancata indicazione dell'omologazione dell'apparecchio T-Red.

Dirittoegiustizia.it: si ignora il rosso e si viene ripresi, la multa è valida. Nel pubblicare la sentenza online commentandone gli effetti, il quotidiano d'informazione giuridica dirittoegiustizia.it (editore Giuffrè Francis Lefebvre) evidenzia che, se l'automobilista ignora il semaforo rosso e se l'infrazione viene testimoniata dalla telecamera che sia presente sull'impianto semaforico, non si può discutere in alcun modo la validità della multa. Unica ipotesi di contestazione è l'eventuale malfunzionamento dell'apparecchio oppure un suo difetto di costruzione o di installazione, circostanze, però, che devono risultare nel caso concreto, in base a evidenze debitamente provate 

Vota la la news:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 19/05/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Altre news:

L'autore

Leggi gli ultimi articoli sul mondo delle assicurazioni pubblicati da Franco Canevesio.

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.