02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Mondo Assicurazioni

L’Ivass fa il censimento delle polizze casa

Inquadrare la situazione assicurativa delle case in Italia per predisporre manovre future contro i terremoti

6 dicembre 2016
 L’Ivass fa il censimento delle polizze casa

Prosegue il dibattito sull’ipotesi di introdurre in Italia una polizza casa obbligatoria contro il rischio sisma. Nel confronto tra favorevoli e contrari pesano alcuni fattori non da poco tra cui le differenze in termini di conformazione del territorio tra una regione e l’altra, l’ampio numero di edifici non in regola con le norme antisismiche e le difficoltà di determinare il costo di una copertura di questo tipo.
Proprio per provare a dipanare la matassa, l’Ivass, l’ente che vigila sul settore assicurativo guidato da Salvatore Rossi, ha deciso di avviare una sorta di indagine tra le compagnie che operano in Italia per acquisire più dati possibili sui premi e sulle caratteristiche dei prodotti incendio e calamità naturali che coprono già oggi case e fabbricati. 
L’obiettivo è quello di arrivare a ottenere un quadro il più completo e chiaro possibile sul come sono assicurati gli Italiani contro il terremoto in modo tale da capire quale direzione imboccare in vista di una possibile riforma e tutti i rischi e i vantaggi connessi.
Per ogni polizza attiva alla data del 30 settembre, l’ente ha chiesto alle compagnie assicurative di indicare l’entità dei premi, la somma assicurata, le coperture previste e le caratteristiche dell'edificio assicurato. Le imprese avranno tempo fino al 15 febbraio per fornire le informazioni richieste.
La mappa finale ottenute tramite queste risposte servirà come base per poter discutere dei possibili interventi tra cui ad esempio l’introduzione di incentivi fiscali sulle polizze a copertura di eventi naturali oppure l’abbinamento di una copertura di questo tipo a quella contro l’incendio già richiesta al momento della concessione di un mutuo. 
A loro volta le compagnie assicurative, tramite l’Ania, la loro associazione nazionale, hanno chiesto allo Stato di farsi carico tuttavia del rimborso di quei sinistri, ovvero di tutti quegli eventi, che dovessero avere delle conseguenze talmente importanti da superare la capacità di farvi fronte da parte delle compagnie. In pratica, lo Stato dovrebbe garantire il suo intervento in modo tale da evitare che nelle aree a rischio sismico più elevato le polizze raggiungano costi stellari.


 

Vota la la news:

Valutazione media: 4,8 su 5 (basata su 14 voti)

L'autore

Leggi gli ultimi articoli sul mondo delle assicurazioni pubblicati da Rosaria Barrile.

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.