02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurazione scuola: cos'è e cosa copre

Come funziona l'assicurazione scolastica

Se ne sente parlare spesso di assicurazione scolastica ma molti genitori non sanno precisamente a cosa serve e cosa copre. Sicuramente si tratta di un servizio ulteriore a tutela degli alunni, ma conoscere esattamente cosa comprende un'assicurazione scuola è il miglior modo per tutelare anche i più piccoli.

La scuola è il secondo ambiente, dopo la famiglia, all'interno del quale lo studente trascorre gran parte della propria giornata, oltre a formarsi sia culturalmente che educativamente. Il contatto con gli altri compagni è inevitabile, allo stesso modo di quelle attività a cui è impossibile sottrarsi. Materie come educazione fisica e laboratorio sono obbligatorie e seguirle significa integrare il proprio piano di studi e migliorare il rendimento scolastico: si tratta di attività che l'alunno svolge con maggiore partecipazione in quanto diverse dallo studio mnemonico e logico di matematica e italiano. Ed è proprio in questo contesto che si verificano i principali incidenti come slogature, contratture, contusioni durante le ore di pallavolo, a cui si aggiungono eventuali incidenti collegati alle attività tecnico - laboratoriali. Per tale ragione la legge obbliga tutti gli istituti, di qualsiasi ordine e grado, a stipulare una polizza assicurativa con l'Inail che copra proprio gli infortuni e gli incidenti connessi a queste due discipline: lo scopo è prevenire responsabilità civili imputabili direttamente alla scuola, che si troverebbe a dover pagare risarcimenti danni sostanziosi. Se si pensa che una scuola, sia primaria che secondaria, ospita ogni giorno centinaia di alunni è facile fare due conti e capire che l'istituto non è in grado di supportare, autonomamente, la gestione dei risarcimenti danni. La legge, intervenendo con un'assicurazione per la scuola obbligatoria, addiviene al problema spalmando la spesa fra tutti gli istituti italiani, che avranno l'obbligo di pagare un premio annuale per ogni alunno iscritto presso l'istituto.

Cos'è l'assicurazione obbligatoria Inail

L'assicurazione scolastica stipulata con l'Inail è obbligatoria sia per gli istituti pubblici, sia per quelli privati. Poco importa il numero degli iscritti o le attività tecnico - laboratoriali previste nel piano formativo, in quanto la polizza assicurativa copre, come precisa il sito Orizzonte Scuola, le ore di laboratorio informatico, di fisica o di tecnica, le attività extracurriculari, quelle sportive, le attività finalizzate all'alternanza scuola - lavoro e, non da ultimo, i famosi viaggi di istruzione. Insomma tutto ciò che rientra nei progetti definiti dalla scuola ad esclusione degli infortuni che avvengono in itinere. Per capire meglio cosa intende la legge con l'assicurazione obbligatoria Inail basti sapere che l'infortunio deve essere strettamente collegato con lo svolgimento di una delle attività appena elencate: lo studente che subisce una lussazione giocando a calcetto è coperto dall'assicurazione Inail qualora tale attività sportiva rientri nel piano formativo (ad esempio come corso extracurriculare, come allenamento per partecipare ai Giochi Sportivi Studenteschi). Diverso discorso è se lo stesso studente usufruisce indebitamente del campetto sportivo della scuola durante la ricreazione, senza alcuna autorizzazione da parte dei docenti. L'assicurazione scuola obbligatoria Inail è prevista anche nelle università, che devono stipulare un'apposita polizza per tutti gli studenti iscritti all'ateneo: basta verificare la copertura informandosi sui loro portali online, sapendo già dall'inizio che le formule Inail coprono soltanto gli infortuni strettamente legati ai rischi strettamente connessi alle attività seguite dallo studente.

La polizza scolastica integrativa

Alla polizza Inail si associa una seconda assicurazione scuola a cui ciascun istituto deve provvedere assieme ai genitori con una compagnia assicurativa privata. Si tratta di una formula integrativa rispetto a quella obbligatoria e l'onere del premio ricade direttamente sui genitori o, nelle università, sugli studenti. Il pagamento del premio viene infatti suddiviso annualmente in tante piccole quote, che non superano generalmente le 15 euro rappresentando una spesa sopportabile da parte di ogni famiglia. Annualmente, infatti, ad ogni alunno viene chiesto il pagamento di un contributo volontario a cui si aggiunge una quota obbligatoria da versare tramite bollettino postale o con bonifico. La quota obbligatoria rappresenta proprio la percentuale di premio assicurativo spettante a ciascun genitore, a differenza della quota volontaria che può variare a seconda se trattasi di scuola dell'infanzia o di scuole superiori. L'assicurazione, più che essere obbligatoria, è un onere che spetta anche alla scuola primaria ma, in tutti i casi, viene decisa tramite delibera del Consiglio di Istituto e portata a conoscenza delle famiglie. Queste ultime sono obbligate alla sottoscrizione della polizza ma, in assenza di proposte avanzate dall'istituto, possono essere loro stesse a proporre una formula integrativa direttamente al Consiglio di Istituto.

Quali sono le coperture previste

Ovviamente ci si chiede: se la polizza Inail copre gli infortuni, l'assicurazione scolastica cosa copre? Facile, tutto ciò che non rientra nella formula Inail, comprendendo quindi gli infortuni che avvengono in aula al di fuori delle attività didattiche, gli incidenti causati dai litigi fra gli alunni, gli scivoloni durante la ricreazione: insomma gli incidenti non strettamente legati alle attività laboratoriali o durante le ore di educazione fisica, ma direttamente riferibili all'ambiente scolastico. Alcune compagnie assicuratrici includono (ad un premio leggermente superiore) anche la copertura per gli infortuni che avvengono lungo il tragitto che divide la scuola dalla casa di ciascuno studente, ma prima di sottoscrivere qualsiasi polizza è fondamentale informarsi presso le agenzie. Le università si dotano annualmente di assicurazioni integrative rispetto a quella Inail e l'onere del premio ricade sullo studente, che potrebbe pagare attorno alle 25 - 30 euro annuali. Questa spesa si aggiunge alle quote di iscrizione ai corsi universitari, e spettano obbligatoriamente anche qualora si sia vincitori di una borsa di studio che esonera lo studente dal pagamento delle tasse universitarie.

Le tipologie di assicurazioni appena elencate sono riferite solo ed esclusivamente agli alunni (ed agli studenti) ed ai danni subiti durante le ore di scuola o di università. Ben diversa è l'assicurazione prevista per il corpo docente e per il personale scolastico (così detto ATA), in quanto essendo dipendenti di una pubblica amministrazione, godono della copertura Inail contro gli infortuni. La stessa Inail ha precisato l'ambito assicurativo che si riferisce ai danni relativi all'utilizzo di specifiche apparecchiature e agli incidenti avvenuti durante le attività di esercitazione, includendo (secondo l'interpretazione comune) anche i viaggi di istruzione. Molti siti specializzati nel settore propongono assicurazioni integrative volte a tutelare l'attività professionale svolta dagli insegnanti e dai dirigenti scolastici: quante volte maestri e direttori sono stati chiamati ai danni per semplice distrazione come nesso causale di un infortunio subito dal minore. In questo caso trattasi di una polizza assicurativa stipulabile con qualsiasi compagnia di assicurazione in grado di proporre una copertura ad hoc a prezzi vantaggiosi. La formula può addirittura coprire eventuali rivalse da parte dell'Istituto o dello Stato nei confronti del docente, comprendendo assistenze legali in caso di citazioni in giudizio.

Le formule assicurative appena delineate rappresentano un vantaggio sia per le scuole che per i genitori: da un lato gli istituti possono facilmente ammortizzare le spese in merito ai risarcimenti danni richieste dai genitori e questi ultimi saranno maggiormente tutelati in caso di infortuni subiti da un figlio. La spesa è irrisoria, ma i vantaggi sono molti, fra cui quello di evitare lungaggini burocratiche ai danni dell'attività didattica.

Vota la guida:
Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 10 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 13/11/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.