02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Assicurando: il blog di Assicurazione.it

Le polizze dormienti...si svegliano

Ormai vicina la soluzione di un annoso problema

2 luglio 2018
Le polizze dormienti...si svegliano

Le polizze dormienti si stanno risvegliando. Nonostante la terminologia da “Alba dei morti viventi” in realtà si tratta di una notizia positiva, e vuol dire essenzialmente restituire i soldi a chi ne ha diritto ma non ne era al corrente.

Ne abbiamo parlato qualche settimana fa in questo approfondimento: https://www.assicurazione.it/assicurando/polizze-dormienti-identificati-153mila-beneficiari.html dove spieghiamo essenzialmente di che si tratta e il lavoro che l'Ivass sta portando avanti. Ci sono infatti milioni di euro che “dormono” nelle casse delle compagnie assicurative, polizze vita che un parente o noi stessi in prima persona possiamo aver attivato ed essercene completamente dimenticati, anche perché può capitare che siano in abbinamento ad altri prodotti o servizi (in genere mutui o prestiti).

Per ovviare a questo problema e risarcire gli aventi diritto l'Ivass aveva dato il via a un progetto che attraverso l’incrocio tra i codici fiscali degli assicurati delle polizze vita potenzialmente dormienti e l’Anagrafe Tributaria, puntava a rilevare gli eventuali decessi degli assicurati e consentire alle imprese di contattare i beneficiari per pagare le somme assicurate.

Secondo quanto spiegato da Salvatore Rossi, presidente dell'Ivass, sono circa 190mila le polizze dormienti "risvegliate" dal lavoro dell'Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni finora. L'azione ha portato al versamento ai legittimi beneficiari di quasi 3,5 miliardi di euro, mentre su altre 900 mila polizze sono ancora in corso accertamenti. Per Rossi "è un rimborso che va a vantaggio degli assicurati e della reputazione delle compagnie". L'anno scorso, ha ricordato "avevamo stimato di arrivare a 4 miliardi di rimborsi, quindi ci siamo vicini anche perché ci sono tante polizze ancora da accertare. Non abbiamo aggiornato le stime, rimane l'idea di 4-4,5 miliardi da recuperare".  

Come verificare se si ha diritto a un risarcimento? Il modo più veloce è quello proposto dall'Ania, l'Associazione Nazionale Imprese Assicurative che attraverso un servizio di ricerca coperture assicurative vita a questo link http://www.ania.it/it/servizi/ricerca-coperture-vita.html fornisce tutte le informazioni e i passaggi da fare per risalire a eventuali polizze vita sottoscritte in prima persona o da un parente deceduto.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.