Stop a benzina e diesel nel 2035, a rischio 600mila posti di lavoro in UE

L'Italia la nazione più colpita

20 February 2023
Stop a benzina e diesel nel 2035, a rischio 600mila posti di lavoro in UE

Dodici anni sembrano tanti, ma il 2035 è dietro l’angolo. Almeno dal punto di vista delle case automobilistiche e di tutto l’indotto delle aziende che fanno capo al mercato delle auto. La scelta dell’Unione Europea è stata perentoria: a partire dal 2035 non potranno più essere vendute auto nuove con motori tradizionali, ma solo elettriche.. A metà febbraio è arrivato l’ok definitivo da parte del Parlamento Europeo che ha messo al bando alla stessa data anche le ibride.

Unica piccola eccezione sono le case di nicchia, che immatricolano meno di 1.000 vetture all’anno che potranno continuare a produrre mezzi ad alimentazione tradizionale, un modo per salvare la Motor Valley dell’Emilia Romagna.

La perdita dei posti di lavoro

Si sono moltiplicati gli studi in questo periodo per cercare di capire l’impatto che tale norma avrà sull’economia europea e sui settori collegati all'automotive, come quello delle assicurazioni auto. Persino il commissario al Mercato Interno e all’Industria UE Thierry Breton ha confermato che ci sarebbero 600 mila posti di lavoro a rischio per l’automotive in Europa: “Non stiamo parlando solo delle grandi case automobilistiche – che sicuramente ce la faranno – ma stiamo parlando dell’intero ecosistema e della produzione di energia elettrica”. Le tante piccole e medie imprese che fanno parte dell’indotto, che producono componentistica, supporti eccetera sono a rischio.

Un nuovo studio sulla “rivoluzione dell'automotive”, presentato da Federmanager e Aiee (associazione degli economisti dell'energia) stima un "crollo degli investimenti per il passaggio all'elettrico: -25% in 10 anni", con "solo nella componentistica, 500 imprese a rischio chiusura, 60.000 posti in meno in Italia".

L’Italia risulterebbe il Paese più colpito tra le nazioni europee produttrici di componenti in termini di riduzione di posti di lavoro, con un -37% di occupazione.

Il tentativo di ritardare la dead line

Da parte della regione Piemonte, è partita un’iniziativa che punta quantomeno a ritardare l’entrata in vigore dello stop. La regione che maggiormente è coinvolta nell’automotive, ha commissionato uno studio attraverso Ires per calcolare l’impatto di questa misura, coinvolgendo poi altre 11 regioni italiane che nel settore hanno forti interessi.

Andrea Tronzano, assessore regionale del Piemonte ha dichiarato: "Non ci aspettiamo cambiamenti epocali su quello che è stato stabilito ma dobbiamo lavorare perché questo 2035 è oggettivamente per il sud dell'Europa una scadenza troppo ravvicinata rispetto alla filiera che abbiamo. Rischia di mettere in crisi tutti". La speranza è che con le prossime elezioni europee previste per il 2026, la nuova maggioranza del parlamento europeo possa rivedere la scadenza.

La situazione è complicata: da una parte c’è la necessità di ridurre l’inquinamento, dall’altra si vorrebbe tutelare un patrimonio industriale consolidato del vecchio continente. Il timore infatti è che molte delle componenti dell’auto elettrica siano di importazione, finendo per favorire Paesi come la Cina che nell’elettrico sono già molto più avanti. La domanda principale resta: è giusto sacrificare l’economia sull’altare della sostenibilità?

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO