02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Assicurando: il blog di Assicurazione.it

Polizze vita e contanti

Divieto al contante, polizze vita penalizzate

4 novembre 2013

Difficile, quasi impossibile pagare una polizza in contanti. Dopo vari interventi legislativi nel corso degli ultimi anni in materia di contrasto al riciclaggio, la soglia dei pagamenti cash si è abbassata, poi alzata e poi è arrivata a mille euro. Con il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici, il cosiddetto decreto “Salva Italia”, è possibile effettuare pagamenti in contanti fino a 999,99 euro. Pertanto, gli effetti di questa misura ricadono sugli acquisti più cari come beni preziosi, auto e moto, affitti e i pagamenti dei premi assicurativi, tutte voci, di solito, sopra soglia.

Per le polizze vita non si può pagare neanche un euro in contanti. Per queste ultime, infatti, pur trattandosi di uno strumento per creare un capitale da destinare in futuro a sé o alla propria famiglia, vige il divieto al pagamento cash con il possibile effetto di non permettere la loro diffusione, cioè frenare il ricorso a questa tipologia di assicurazione.

A cosa serve un’assicurazione sulla vita

Per prima cosa bisogna dire che la polizza vita è una scelta libera del  contraente, non è obbligatoria per legge. L’evento principale per cui è nata questa forma di copertura è la tutela della famiglia a seguito del decesso dell’assicurato. Tuttavia, nel tempo sono nate molteplici forme di assicurazione legate sempre alla “vita”, ma non per forza alla sua fine… Ci sono polizze per malattie, più o meno invalidanti, incidenti o che obbligano la compagnia a pagare l’assicurato anche solo perché il contratto è arrivato a scadenza, una diversa forma di accumulo. Ne discende che esistono diversi prodotti che possono essere temporanei (decesso entro una certa data) o vitalizi con la previsione della liquidazione del premio verso i parenti stretti (coniugi e figli) alla morte dell’assicurato.

Una soglia per ogni ramo

Tornando al pagamento, ogni ramo assicurativo ha dunque la sua asticella da non superare. Se il pagamento dei premi assicurativi rc auto non può andare oltre i mille euro cash, per le altre polizze danni, l’asticella si abbassa e vige il divieto di incassare in contanti premi superiori a 750 euro annui per contratto.

Un veto assoluto a incassare premi in contanti arriva con il regolamento Isvap 16 ottobre 2006, n. 5 per le polizze vita “Un problema anche per il mondo delle assicurazioni” ha commentato il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, Simona Vicari “non si possono pagare i premi delle polizze vita con contanti, mentre è possibile farlo per le polizze rami elementari, come quelle casa, infortuni. Un tetto troppo stringente soprattutto nel caso delle polizze vita “rappresentano un ostacolo notevole al loro utilizzo", ha affermato la senatrice.  Probabile dunque che a breve arrivino proposte da parte del governo per modificare la normativa attuale.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Silvio Nobili

Foggiano, laureato in Giurisprudenza alla Luiss Guido Carli di Roma, avvocato e giornalista, da anni si occupa di questioni legate alla concorrenza, alle Autorità indipendenti e alle novità di internet. Ha lavorato nella redazione di ItaliaOggi e Capital e collaborato con numerose testate tra cui Corriere della sera Magazine, Mf/MilanoFinanza, AffariItaliani.it, ClassCnbc tv, l'Agenzia di stampa Italpress.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.