02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Assicurando: il blog di Assicurazione.it

Patente a punti: cosa è successo dalla riforma del 2003

Indagine Facile.it sugli automobilisti a 0 punti

23 ottobre 2017
Patente a punti: cosa è successo dalla riforma del 2003

Alzi la mano chi conosce il saldo punti della propria patente. Pochi, pochissimi. C'è da ipotizzare che a saperlo siano solo i più indisciplinati al volante che, dopo un'infrazione che comporta la perdita dei punti patente, hanno ricevuto la lettera di avviso dal ministero dei Trasporti. In generale si è perso l'interesse per il sistema, anche se quando fu introdotto, nel 2003, fece scalpore e sembrava non si parlasse d'altro.

Secondo un dossier realizzato dall'Osservatorio Assicurazioni di Facile.it, pubblicato in esclusiva dal Corriere della Sera a firma del giornalista Alessio Ribaudo, sono oltre 20mila i guidatori italiani che hanno azzerato il loro bonus. Mentre considerando quelli agli sgoccioli (da 0 a 9 punti) sono 93.810, per un totale di 122,5 milioni di punti decurtati dal 2003 a oggi.

Interessante è la mappa dei “cattivi”. A sorpresa guardando i dati in proporzione (numero totale di residenti abilitati alla guida in rapporto al numero di quelli che i punti li hanno persi tutti), in testa c'è il Friuli Venezia Giulia, davanti a Calabria, Campania, Lombardia e Piemonte, anche se in numeri assoluti in testa c'è la Lombardia. La città meno virtuosa è Napoli, seguita da Milano e Roma.

Perdere i punti della patente fa spendere di più per l'assicurazione? Non direttamente. Al momento di stipulare una polizza RC Auto, non ci viene chiesto il saldo punti. Effettivamente non è per forza sinonimo di guida spericolata, poiché si possono perdere punti anche parcheggiando su un posto riservato agli invalidi per esempio, tuttavia la gran massa dei punti persi è da attribuire alle infrazioni relative all'elevata velocità. In tal senso un collegamento con l'assicurazione ci può essere: una guida pericolosa può portare facilmente a incidenti e quindi a perdere classi di merito.

L'opinione più diffusa sulla patente a punti sembra essere quella per cui al momento della sua introduzione ha rappresentato un metodo efficace per la sicurezza stradale, ma che passata l'attenzione sul tema tutto è tornato più o meno come prima. Sono in molti ad auspicare ora una nuova riforma che inasprisca quella esistente e permetta un intervento più rapido ed efficace sui comportamenti pericolosi alla giuda, così da ridurre il numero di incidenti.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.