Mobilità, in Italia sempre meno spostamenti e auto troppo vecchie

Ci si muove soprattutto in auto

25 December 2023
Mobilità, in Italia sempre meno spostamenti e auto troppo vecchie

Gli italiani si spostano meno, lo fanno prevalentemente in macchina e su mezzi vecchi. Sono questi gli spunti emersi dal 20° Rapporto Isfol sulla Mobilità. Isfol è l’Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti fondato nel 1994 dalla Fondazione Nazionale delle Comunicazioni e Ferrovie dello Stato e ogni anno fa una fotografia di come si evolvono le nostre abitudini sulle strade. Quelle emerse quest’anno non disegnano un quadro molto positivo.

Tutti i dati sulla mobilità

Il primo dato che stupisce è quello sul numero di spostamenti: ci si aspetterebbe di vederli sempre crescere grazie alla a maggiore densità della vita quotidiana, alla moltiplicazione offerte per il tempo libero, per il lavoro, per i consumi e invece da due decenni si assiste a un trend di decrescita di questo dato. Negli ultimi vent'anni, gli spostamenti degli italiani hanno registrato un calo dell’11,7%, fenomeno legato principalmente all’invecchiamento della popolazione.

Le percorrenze medie pro-capite giornaliere della popolazione mobile sono aumentate fino ai 38 km del 2008, poi si è avviato un processo di contrazione che ha portato l’indicatore negli ultimi anni ad oscillare nella forchetta dei 25-30 km (ad eccezione del fisiologico picco negativo di 21,2 km registrato nel 2020, anno del Covid).

Eppure siamo pieni di auto; il tasso di motorizzazione è il più alto d’Europa: 68,1 automobili ogni cento abitanti (erano 58,8 nel 2022), un dato superiore di dieci punti a Francia e Germania. In totale sono più di 40 milioni le vetture nel nostro Paese: un aumento dell'1% rispetto al 2021 e del 19% negli ultimi due decenni.

Due spostamenti su tre avvengono in automobile, meno di due su dieci a piedi. Solo il 7,5% degli italiani si muove sui mezzi pubblici. Peggio ancora la bicicletta o altri mezzi di micromobilità (come i monopattini elettrici) con il 4%.

In progressiva crescita è anche l’età media del parco auto che nel 2022 ha raggiunto i 12,5 anni (11,3 anni nel 2018). Da sottolineare che in Italia quasi il 60% delle auto ha oltre 10 anni, mentre in altri Stati europei, come la Germania o la Francia, questa stessa percentuale si attesta intorno al 40%. Un altro dato scoraggiante è più la vettura è datata e più sarà alta la tariffa Rc auto da sostenere.

Un quadro sconfortante

L’analisi traccia dei contorni poco incoraggianti, con un parco auto vecchio, trasporti pubblici poco usati e in forte bisogno di investimenti. La vendita di auto elettriche non decolla e la mobilità tenderà a diminuire ancora nel prossimo decennio: l’istituto stima un ulteriore calo del 3% entro il 2030, sempre a causa dell’inverno demografico del Paese.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO