Ania favorevole alla riforma del Codice della Strada

Ma servono riforme per l'Rc auto

3 July 2023
Ania favorevole alla riforma del Codice della Strada

L’Ania, Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici, accoglie con favore la riforma al Codice della Strada approvata dal governo. Lo ha detto la presidente dell’associazione Maria Bianca Farina durante l’Assemblea Annuale 2023, giudicandolo un intervento efficace sulla sicurezza stradale. Ma per il settore Rc auto servono altre riforme perché i prezzi continuino a scendere.

Rc auto: i costi salgono

Il calo progressivo e costante degli ultimi anni dei prezzi del premio della Rc auto per gli automobilisti si è arrestato e i costi sono tornati a salire. Lo ammette la stessa Farina durante il suo intervento, mostrando i dati relativi al settore in Italia: “Già nell’anno appena concluso le imprese che operano nel ramo, per 100 euro di premi incassati ne hanno pagati 108 per il risarcimento dei danni e per il sostenimento delle spese. Gli aumenti della frequenza e del costo medio dei sinistri hanno determinato nel primo trimestre di quest’anno un rialzo del premio medio pagato dagli assicurati, rialzo peraltro di entità molto contenuta rispetto all’andamento dell’inflazione”.

Nel 2022 la raccolta premi del ramo Rc auto ha registrato un’ulteriore riduzione dei premi contabilizzati (-2,1%). Le compagnie hanno raccolto 12,6 miliardi di euro, impiegandone 13,6:

  • 4,4 miliardi per riparare i veicoli danneggiati;
  • 4,3 miliardi per risarcire i danni degli individui che subiscono delle lesioni fisiche, lievi o gravi;
  • 2,2 miliardi destinati ai familiari delle vittime di incidenti stradali;
  • 2,7 miliardi per svolgere le attività d’impresa.

Gli aumenti sui consumatori

A fronte di questi dati la presidente Farina ha sottolineato che affinché i premi Rc auto tornino a scendere, sono necessarie delle riforme legislative: dalla modifica dell’imposizione fiscale sui premi, molto penalizzante nel confronto con gli altri paesi europei, alla definizione univoca del risarcimento dei danni per lesioni gravi alla persona.

Insomma con l’aumento dei costi per le assicurazioni è impossibile continuare a far scendere i prezzi per raggiungere la media europea (divario che negli anni si è ridotto drasticamente, da 213 euro nel periodo 2008-2012 a 40 euro nel 2022), ma i rialzi dovuti all’inflazione dell’ultimo periodo bloccano questo percorso virtuoso. Insomma finché la situazione internazionale resterà così turbolenta, le nostre assicurazioni continueranno a essere costose.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO