02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurando: il blog di Assicurazione.it

Modifiche al Codice della Strada: facciamo chiarezza

Ecco tutte le novità previste

14 settembre 2020
Modifiche al Codice della Strada: facciamo chiarezza

Pare che anche il presidente della Repubblica Mattarella si sia arrabbiato. Le modifiche al Codice della Strada approvate di recente dal Parlamento incideranno molto sui costi indiretti dell'automobile in città, soprattutto per le multe che si rischiano.

Bisogna però fare chiarezza, perché se è vero che il capo dello Stato ha mosso dei rilievi al legislatore, questi sono tutti formali e non sostanziali, ovvero la critica riguardava il come le modifiche sono state introdotte, non il loro contenuto.

Andiamo per ordine. È da anni che viene invocata una riforma del Codice della Strada, uno svecchiamento delle norme che possano essere più attuali (in Italia vige quello approvato il 30 aprile 1992 entrato in vigore nel 1993 e che ha subito diverse modificazioni, ma mai una riforma organica). Purtroppo, la politica non è mai riuscita a trovare un accordo per riscrivere il Codice, ma si è limitata a rappezzarlo qua e là. Più o meno quello che è successo in questo periodo, con l'introduzione di alcune novità. Vediamole:

  • Autovelox in città. Concessa l’autorizzazione a montare autovelox fissi anche sulle strade urbane di quartiere e locali, mentre fino a oggi erano previsti solo sulle le strade a scorrimento. Sarà sempre il Prefetto ad autorizzare le postazioni attraverso un’analisi della pericolosità delle strade.
  • Misure per i ciclisti. Istituzione della strada urbana ciclabile a unica carreggiata, con banchine pavimentate e marciapiedi e limite di velocità a 30 km/h, con priorità per i velocipedi. Su strade cittadine nelle quali il limite massimo di velocità sia inferiore o uguale a 30 km/h, i ciclisti potranno andare anche controsenso. Inoltre, è consentita la circolazione dei velocipedi sulle strade riservate agli autobus.
  • Ausiliari del traffico. Con provvedimento del sindaco queste figure avranno maggior spazio di azione per l'accertamento di violazioni in materia di sosta e le multe potranno essere fatte anche da dipendenti comunali o dipendenti delle aziende municipalizzate o delle imprese addette alla raccolta dei rifiuti urbani e alla pulizia delle strade. Ciò comporta, ad esempio, che anche i netturbini potranno elevare multe se una vettura intralcia lo svuotamento di un cassonetto dei rifiuti.
  • Moto a tre ruote in autostrada. Purché di cilindrata non inferiore a 250 cm³.
  • Zone a traffico limitato. Le telecamere poste all'ingresso di queste aree possono sanzionare i divieti di circolazione all'ingresso, all'interno e in uscita.
  • Collaudo e revisione. Vista la situazione di emergenza è autorizzata la circolazione fino al 31 ottobre 2020 dei veicoli da sottoporre entro il 31 luglio 2020 alle attività di visita e prova o di revisione.

Insomma, un bel pacchetto di norme, non certo una piccola modifica. Il punto è che non si trattava di una legge ad hoc, ma è stato approvato come una norma del Dl Semplificazioni. È stato proprio questo a catturare l'attenzione della presidenza della Repubblica che, nonostante abbia comunque promulgato la legge, ha richiamato il legislatore con una missiva visto che le norme in oggetto sono eterogenee rispetto ai contenuti del decreto. La critica principale che il Capo dello Stato muove al Parlamento è di avere inserito la modifica di quindici articoli del Codice della Strada, "che non risultano riconducibili alle predette finalità e non attengono a materia originariamente disciplinata dal provvedimento".

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO »