Carburanti, proroga del taglio delle accise

Il provvedimento è valido fino al 19 novembre

10 ottobre 2022
Carburanti, proroga del taglio delle accise

Prezzi calmierati di benzina e diesel, almeno per un altro mese. Uno degli ultimi atti del governo uscente è stato infatti la proroga del taglio delle accise di 30,5 centesimi al litro fino al 19 novembre. La misura è stata varata in tutta fretta, per evitare di vedere schizzare i prezzi alla pompa oltre i due euro.

Si tratta ancora una volta di una misura temporanea, il problema di trovare una soluzione più duratura finirà sul tavolo del nuovo esecutivo.

Taglio accise ai carburanti

Il primo provvedimento in tal senso era stato adottato a marzo con un decreto del ministero dell’Economia e Finanza, quando dopo lo scoppio della guerra in Ucraina il prezzo del petrolio aveva cominciato a salire. A metà marzo il prezzo aveva superato abbondantemente i due euro, mettendo in difficoltà tutti gli automobilisti e costringendo la politica a correre ai ripari. Fin dal principio si è trattato di una misura a tempo, che però visto il perdurare dell’inflazione, era stato rinnovato di mese in mese.

Con le elezioni e il cambio di esecutivo, l’ultimo Consiglio dei ministri del governo Draghi ha ritenuto opportuno prolungare ancora il taglio per mantenere i prezzi sotto le soglie critiche.

Ad oggi il taglio dell’accisa di 25 centesimi di euro al litro permette un risparmio complessivo di 30,5 centesimi a litro considerando anche l’Iva. Il taglio dell’accisa sul GPL è meno cospicuo ma comunque ha fatto scendere il prezzo di questo carburante di 8 centesimi ogni kg

Il problema resta aperto

La proroga del taglio delle accise è una misura temporanea e sarà attiva ancora per un mese, fino al 19 novembre. In molti auspicano che il taglio delle accise sui carburanti diventi definitivo e negli ultimi anni non sono mancati politici che lo hanno promesso. Purtroppo però si tratta di un provvedimento oneroso per lo Stato.

Secondo alcuni calcoli questo taglio costa all’erario circa 600 milioni di euro ogni mese, se si dovesse rendere strutturale l’ammanco nelle casse dello Stato sarebbe eccessivo, senza considerare che oggi ci sono anche altre emergenze, prima tra tutte l’aumento dei prezzi dell’energia per famiglie e imprese.

C’è da immaginare dunque che il nuovo governo concentrerà i propri sforzi (e le poche risorse di cui il bilancio italiano dispone) per calmierare le bollette. Il problema dei carburanti dunque resterà aperto. Tutti sperano che la situazione internazionale possa calmarsi al più presto riportando l’inflazione a livelli gestibili ed evitare che porti a rialzi eccessivi anche per l'Rc Auto; nel frattempo non ci resta che approfittare di quest’altro breve intervallo di tempo per fare il pieno.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto

Il profilo dell'autore

Christian Toscano

Laureato in filosofia alla Statale di Milano e in Marketing all’Università Iulm, si occupa di economia, salute, risparmio. Giornalista con 10 anni di esperienza, ha lavorato a ClassTv e Class Cnbc come redattore e conduttore di programmi televisivi. Nel corso della sua carriera ha intervistato numerosi professionisti del settore assicurativo: dalle compagnie ai broker, dalle associazioni dei consumatori agli esperti del risparmio gestito. Appassionato di viaggi e sociologia, cerca di trascorrere all’estero almeno un mese all’anno.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO