Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna

Cosa fare se si perde la targa dell'auto

Nella vita possono accedere gli imprevisti di ogni genere.. Questo riguarda senz'altro anche quelle occasioni in cui, per colpa propria o meno, viene perduta la targa dell'auto. Quando accade, la persona si ritrova immediatamente limitata, in quanto non può più spostarsi con la sua macchina, in quanto quest'ultima senza la targa è inutilizzabile. E non bisogna cadere nella solita trappola dell'illegalità relativa al montaggio di una targa falsa o sostitutiva. Molto meglio sapere cosa fare, passo dopo passo, per non incontrare problemi di alcun genere con le autorità italiane. 

In caso di perdita della targa dell'auto, la prima cosa da fare è quella di contattare il Corpo di Polizia Municipale. La Polizia Municipale rappresenta infatti l'istituzione principale a cui rivolgersi quando si perdere la targa. Difatti è importante denunciare subito l'accaduto alle autorità competenti. In questo modo si limitano le possibilità che la targa venga utilizzata. Quando si contatta la Polizia Municipale dichiarando la scomparsa della targa, bisogna anche fornire all'Autorità i propri dati personali del possessore della macchina e i dati relativi al veicolo senza targa.

Altresì occorre comunicare la dinamica della scomparsa, in modo da stabilire se si tratta di un semplice smarrimento oppure di un vero e proprio furto. La Polizia Municipale svolgerà le proprie indagini in merito e richiederà anche tutti i dati che potrebbero essere in qualche modo utili per ricostruire l'accaduto in ogni sua parte. La procedura è quasi sempre la stessa e non varia a seconda della posizione della targa (se è posteriore oppure anteriore). La procedura stessa è abbastanza veloce da svolgere, considerare che devi fare la denuncia, compilare il modulo di riferimento e ritirare la copia dell'Atto.

Le tempistiche in caso di furto targa sono di circa 15-20 giorni.Passati i 20 giorni, si esclude definitamente che la targa possa essere ritrovata. Se dopo un certo periodo di tempo la targa non è stata ritrovata, bisogna recarsi al Dipartimento dei Trasporti terrestri, oppure alla filiale più vicina (c'è n'è una praticamente in tutte le grandi città italiane) e compilare un modulo di richiesta di una nuova targa. Eseguendo questa procedura non solo si richiede una nuova targa, ma sarà necessaria anche una nuova immatricolazione dell'auto.

A questo documento va allegata la copia della denuncia effettuata presso la Polizia, la vecchia carta di circolazione e le varie ricevute dei versamenti che sono previsti in questo tipo di caso. Ricordati che per ottenere una nuova targata dovrai anche sostenere alcune spese. L'operazione ti verrà costare all'incirca un centinaio di euro.

A questo punto non ti resta che attendere il rilascio della nuova targa. Nel periodo che intercorre tra la data di richiesta della targa e il suo ottenimento è possibile girare per strada con la macchina provvista di una targa provvisoria.

Per i cittadini extracomunitari residenti in Italia la procedura è un po' diversa. Difatti, perché loro svolgano la stessa procedura, devono possedere il permesso di soggiorno e fornirne una copia insieme a tutti gli altri documenti. Ovviamente, è valida anche la copia del permesso di soggiorno della Comunità Europea, valida per tutti coloro che soggiornano sul territorio italiano per dei periodi di tempo estremamente lunghi. 

Quanto tempo serve per avere la nuova targa

Le tempistiche sono molto variabili in base alle diverse situazioni. In genere, però, non dovresti aspettare più di una settimana o 10 giorni. Questo è il tempo necessario al Dipartimento dei Trasporti per esaminare la casistica e rilasciare il proprio verdetto. Insieme alla nuova targa sarà emessa la nuova carta di circolazione e anche il nuovo certificato di proprietà.

Tuttavia, c'è anche un'altra strada utile per ricevere la nuova targa in maniera decisamente più veloce. In questo caso dovresti rivolgerti a un'Agenzia di Pratiche automobilistiche che potrebbe rilasciare una nuova targa, in piena legalità, senza attendere troppo tempo. Talvolta, difatti, può accadere che il Dipartimento dei Trasporti sia  pieno di domande e non abbia molto tempo per occuparsi della tua pratica. Proprio in questo caso l'Agenzia di Pratiche automobilistiche rappresenta un'interessante via d'uscita, in quanto in questo caso è garantito il rilascio di una nuova targa nel giro di una settimana o anche meno.

Il lato negativo della questione è che la cosa richiederebbe il pagamento di un onore aggiuntivo pari a 50 euro, che andrebbe così a sommarsi a tutti gli altri versamenti. Sta a te decidere se usufruire di questa possibilità oppure farne volontariamente a meno.

La targa andrà ritirata presso l'istituzione dove è avvenuta richiesta, a meno di altre possibilità chiarite durante la richiesta. Così, se hai effettuato la richiesta di emissione di una nuova targa presso il Dipartimento dei Trasporti, dovrai nuovamente recarti nella loro sede o filiale vicina per ritirare la targa.

A differenza di quanto si pensa, quest'ultima non viene ritirata per posta, ma deve essere rilasciata alla persona direttamente dalle autorità competenti. Una volta rilasciata, la targa può essere montata sul veicolo presso una qualsiasi officina specializzata. In alternativa anche tu stesso puoi montare la targa, se sai come si fa. Noi consigliamo sempre di rivolgersi ai professionisti per sicurezza.

L'immatricolazione auto, invece, va svolta presso lo Sportello telematico dell'automobilista. L'immatricolazione può essere svolta anche presso uno sportello diverso da quello relativo alla propria provincia di residenza. I diversi sportelli automobilistici in realtà hanno un database comune, motivo per cui non fa molta differenza a quale tra i molti rivolgersi.

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione auto: cosa fare quando è intestata a un defunto
  2. Auto cointestata e assicurazione: come funziona?
  3. Chi paga i danni in un tamponamento a catena?
  4. Chi sono i terzi per la RC auto e che diritti hanno
  5. Come funziona e cosa copre l'assicurazione auto per la grandine
  6. Come funziona l'assicurazione per le auto aziendali?
  7. Contratto Base RC auto
  8. Controllare l'assicurazione auto tramite la targa
  9. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  10. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  11. Cosa fare in caso di sinistro
  12. Cosa fare quando ci danneggiano l'auto in un parcheggio?
  13. Cosa sono l'attestato di rischio dinamico e il codice IUR
  14. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  15. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  16. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  17. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  18. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  19. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  20. Guidare senza assicurazione: multa e sanzioni
  21. La differenza tra proprietario e contraente della RC auto
  22. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  23. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  24. Quando e perché conviene installare il satellitare auto
  25. Quando l'assicurazione auto non paga i danni?
  26. Quando l'assicurazione risarcisce il colpo di frusta?
  27. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  28. Revisione auto: cos'è e come funziona
  29. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  30. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  31. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  32. SIC-ANIA: la banca dati delle assicurazioni veicoli
  33. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  34. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  35. Assicurazione a km: cosa è e come funziona?
  36. Assicurazione incidente all'estero: cosa fare
  37. Attestato di rischio o ATR
  38. Auto storiche
  39. Classe CU Conversione Universale
  40. Classe di merito: cos’è e come si calcola
  41. Come richiedere un risarcimento
  42. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  43. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  44. Cos'è una polizza
  45. Cosa fare in caso di furto
  46. Cosa fare in caso di incidente
  47. Cos’è e come funziona il bonus malus
  48. Documenti da tenere in auto: quali sono obbligatori?
  49. Esclusione e rivalsa
  50. Eventi atmosferici
  51. Franchigia assoluta
  52. Franchigia relativa
  53. Il massimale di una polizza assicurativa
  54. Il tagliando auto o contrassegno
  55. Incidente con veicoli esteri
  56. Kasko a primo rischio
  57. Kasko a secondo rischio
  58. Kasko a valore intero
  59. La franchigia nelle assicurazioni
  60. La legge sulla RCA
  61. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  62. Lo scoperto assicurativo
  63. Polizza Mini Kasko
  64. Premio assicurativo
  65. Prima di assicurarsi
  66. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  67. Riattivare una polizza
  68. Rinuncia alla rivalsa
  69. Sospensione Polizza Auto: cos’è e come funziona
  70. Assicurazione auto a rate: come funziona
  71. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  72. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  73. Assicurazione cointestata: come funziona e vantaggi
  74. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  75. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  76. Come immatricolare un'auto nuova
  77. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  78. Come compilare il CID
  79. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  80. Come rinnovare la patente
  81. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  82. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  83. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO