02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso

Che cos'è il superbollo

Il superbollo è una tassa automobilistica obbligatoria, così come è obbligatoria l'assicurazione RCA,  per i possessori di autoveicoli per il traporto promiscuo di cose e di persone, la cui potenza supera una certa soglia. È stata introdotta per la prima volta nel 1976, ha subito l'abrogazione nel 1997 ma è poi stata reinserita nel 2011, anche se quella attualmente in vigore non ha in realtà molti punti in comune con la prima.

Nella seconda versione, questa tassa era dovuta da parte di chi fosse risultato possessore di un veicolo con potenza fino a 225 kW (legge n. 98 del 6 luglio 2011). Prevedeva il pagamento di un aliquota pari a 10 € in più per ogni kW in eccesso. Nello stesso anno, però, è stata approvata una nuova legge (n. 201 del 6 dicembre 2011) che ha ulteriormente modificato l'aliquota, raddoppiandola e portandola a 20 €. Nella stessa legge è stato anche abbassato il limite soglia oltre il quale l'auto diventa soggetta al superbollo, che è passato dai precedenti 225 kW agli attuali 185 kW.

Viene, quindi, considerato un'addizionale che va a sommarsi al bollo tradizionale e a differenza di questo non è un'imposta regionale ma è un'imposta erariale. Il bollo tradizionale è di competenza dell'Agenzia delle Entrate solo nelle regioni e nelle provincie a Statuto Speciale, in tutti gli altri casi confluisce nelle casse regionali.

Sono ovviamente tenuti al pagamento i proprietari dell'auto, in relazione alla prima immatricolazione della vettura, ma il versamento della tassa è obbligatorio anche per chi è utilizzatore di una vettura in leasing, con le stesse modalità di un proprietario. Se il mezzo su cui ricade la tassa viene ceduto, è tenuto al pagamento colui che ne risulta proprietario nell'ultimo giorno utile per il versamento della quota annuale.

L'imposta di superbollo è valida per un intero anno a partire dal momento del pagamento. L'ammontare del superbollo non è costante per tutta la durata della vita del veicolo ma va a scalare con il trascorrere del tempo. In particolare, il superbollo auto subisce una decurtazione del 40% una volta trascorsi 5 anni dalla prima immatricolazione, del 70% dopo 10 anni e dell'85% dopo 15 anni dalla prima immatricolazione.

Dopo 20 anni dalla costruzione, il proprietario non è più tenuto al versamento del superbollo. Il pagamento deve avvenire mediante compilazione del modulo F24 (codice 3364) con i dati relativi all'identificazione univoca del veicolo. Se la quota del superbollo non viene versata, oppure se viene versata in quantità non adeguata in base a quanto richiesto, è prevista una sanzione amministrativa pari a al 35% della tariffa evasa.

Come si calcola il superbollo

Calcolare il superbollo auto è molto semplice: sul sito dell'Agenzia delle Entrate è stata prevista un'apposita pagina in cui, una volta inseriti i dati del veicolo e l'anno di riferimento per il pagamento della tassa, viene esattamente indicato l'ammontare da versare nelle casse erariali. Il calcolo manuale è molto semplice.

Conoscendo la soglia minima di partenza del calcolo, che attualmente è fissata a 185 kW, è sufficiente sottrarre dalla potenza effettiva quella minima per il pagamento. Questo risultato va moltiplicato per l'aliquota imposta dallo Stato, ossia 20. Quindi, facendo un esempio pratico, se si dispone di una vettura con potenza di 305 kW, il calcolo diventerebbe: (305-185)kWx20€= 2.400 €. Questo è l'ammontare del superbollo da pagare annualmente fino al 5 anno di vita della vettura, in aggiunta al bollo auto tradizionale.

Tuttavia, esistono ulteriori varianti per l'effettivo corrispettivo che dev'essere versato come superbollo, perché la legge di riferimento prevede alcune riduzioni in determinate situazioni. In particolare, se la vettura è stata immatricolata da meno di 5 anni, il proprietario (o l'utilizzatore) ha diritto a una riduzione di 12 € per ogni kW in eccesso.

Se la vettura ha più di dieci anni, la riduzione viene dimezzata a 6 € per ogni kW superiore a 185 e se supera i 15 anni si ha diritto a uno sconto di 3 euro per ogni kW eccedente. Questo calcolo avviene in ragione di un discorso legato ai fattori di inquinamento, presupponendo che le vetture di più recente immatricolazione abbiano un impatto minore sull'ambiente rispetto a quelle di produzione più datata.

Vota la guida:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 26/06/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione a km: quando conviene
  2. Assicurazione auto a rate: come funziona
  3. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  4. Assicurazione auto per un giorno: come funziona
  5. Assicurazione neopatentati: come funziona
  6. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni
  7. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  8. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  9. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  10. Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione
  11. Come compilare il CID
  12. Come immatricolare un'auto nuova
  13. Come rinnovare la patente
  14. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  15. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  16. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  17. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  18. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  19. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  20. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  21. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  22. Revisione auto: cos'è e come funziona
  23. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  24. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  25. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  26. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  27. Attestato di rischio o ATR
  28. Auto storiche
  29. Bonus-malus: come funziona
  30. Classe CU Conversione Universale
  31. Come richiedere un risarcimento
  32. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  33. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  34. Cos'è una polizza
  35. Cosa fare in caso di furto
  36. Cosa fare in caso di incidente
  37. Cosa fare in caso di sinistro
  38. Esclusione e rivalsa
  39. Eventi atmosferici
  40. Franchigia assoluta
  41. Franchigia relativa
  42. I documenti da portare sempre in auto
  43. Il massimale di una polizza assicurativa
  44. Il tagliando auto o contrassegno
  45. Incidente all'estero: cosa fare
  46. Incidente con veicoli esteri
  47. Kasko a primo rischio
  48. Kasko a secondo rischio
  49. Kasko a valore intero
  50. La classe di merito
  51. La franchigia nelle assicurazioni
  52. La legge sulla RCA
  53. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  54. Lo scoperto assicurativo
  55. Polizza Mini Kasko
  56. Premio assicurativo
  57. Prima di assicurarsi
  58. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  59. Riattivare una polizza
  60. Rinuncia alla rivalsa
  61. Sospendere una polizza

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.