Quando l'assicurazione risarcisce il colpo di frusta?

Colpo di frusta: definizione

Come colpo di frusta si intende quel particolare infortunio che colpisce la parte superiore della colonna vertebrale.

Ad essere interessati, in queste occasioni, sono non solo muscoli e legamenti del collo, ma anche le vertebre cervicali. Il brusco movimento che viene effettuato dalla testa si verifica solitamente in occasione dei tamponamenti tra autovetture, dando luogo ad un superamento da parte del collo dei limiti fisiologici di movimento.

In pratica, la testa opera una brusca flessione all'indietro con successiva nuova flessione, altrettanto brusca, in avanti, tale da culminare in una distorsione a carico della colonna cervicale.

I dolori che si accompagnano al colpo di frusta possono durare a volte alcune settimane, per poi ridursi gradualmente, mentre in altri si possono evidenziare danni di carattere permanente, come le ernie del disco.

Tra i tanti sintomi che possono manifestarsi nelle 24 ore successive al trauma, si possono includere il mal di testa, dolori al collo e sua rigidità, nausea, vertigini, calo della vista e diffusa stanchezza.

Risarcimento colpo di frusta: è sempre possibile?

Sino a qualche anno fa, per poter avere diritto al risarcimento dopo aver constatato la presenza dei sintomi che abbiamo descritto, bastava recarsi presso il Pronto Soccorso e far verificare i danni al personale presente al suo interno. Solitamente, il colpo di frusta ricadeva nel calderone dei danni fisici da incidente stradale e la situazione poteva essere risolta con una certa facilità.

Però in Italia si verifica ogni anno un gran numero di truffe assicurative, che hanno riguardato anche i colpi di frusta. Proprio per questo è stato emanato un decreto legge nel 2012 per effetto del quale l’articolo 139 del Codice delle Assicurazioni afferma ora che, nel caso di lesioni lievi, per ottenere il risarcimento non basta più presentare un certificato rilasciato dal pronto soccorso, ma occorre il verbale del medico in cui sia evidenziato il colpo di frusta conseguente all'incidente patito.

In particolare, a testimoniare la sua presenza devono essere una TAC, una radiografia oppure una risonanza. Un concetto ribadito dalla Legge sulla Concorrenza rilasciata nel 2017, che recita testualmente: "Le lesioni di lieve entità che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, ovvero visivo, con riferimento alle lesioni, quali le cicatrici, oggettivamente riscontrabili senza l’ausilio di strumentazioni, non possono dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente".

Infine, l'ultimo intervento teso a chiarire la materia è arrivato ad opera della Corte di Cassazione che, in una ordinanza del 2020, ha affermato l'indispensabilità del parere di un medico legale, che deve essere espresso sulla base degli esami effettuati.

Sinistro con colpo di frusta: cosa fare

Nel malaugurato caso di un incidente con conseguente colpo di frusta, come ci si deve comportare?

La prima cosa da fare è la compilazione del CID, il Modulo di Constatazione amichevole di incidente, che deve quindi essere siglato da entrambe le parti coinvolte nell'evento. Da sottolineare anche che nel caso siano presenti testimoni di quanto avvenuto conviene senz'altro riportarne le dichiarazioni, in modo da evitare qualsiasi problema di carattere assicurativo.

Il secondo passo dovrebbe avere luogo nello stesso giorno dell'incidente e concretizzarsi in una visita presso il Pronto Soccorso, teso all'accertamento degli eventuali danni fisici riportati durante il suo svolgimento. Nell'eventualità che gli esami effettuati confermino la presenza del colpo di frusta, dovrà poi essere un medico a rilasciare il certificato attestante la reale situazione e la diagnosi in cui saranno precisate le tempistiche previste per poter effettivamente guarire.

Espletata questa fase, che è la base per i successivi movimenti, occorre quindi passare alla compilazione della domanda per poter essere risarciti dalla propria compagnia assicurativa, cui dovrà essere inviata. La stessa potrà a sua volta procedere all'indicazione di un medico legale cui spetterà il compito di esaminare la vittima ed esaminare tutta la documentazione che è stata acclusa alla domanda. Il fine di questo passo è la valutazione della gravità del danno occorso e della percentuale di invalidità che ne è conseguita.

L'ultimo passo consiste nell'indicazione di un importo giudicato congruo dalle due parti per il risarcimento del danno.

Calcolo risarcimento colpo di frusta

Abbiamo quindi visto cosa sia il colpo di frusta e l'iter procedurale per poter ottenere un risarcimento nel caso in cui si sia verificato a seguito di un incidente automobilistico. La domanda che si pongono in molti, al riguardo, è però la seguente: qual è l'entità di un risarcimento, in casi di questo genere? Il punto da cui partire, in tal senso, è rappresentato proprio dalla precisazione del tipo di danno riportato.

È la legge stessa a indicare il colpo di frusta alla stregua di una lesione micropermanente. Chi ne sia oggetto può quindi vedersi assegnati sino a 9 punti percentuali di invalidità. È anche necessario stabilire se si tratti di un danno permanente o temporaneo. Nel primo caso, ai fini del risarcimento, si devono tenere nel conto tutte le conseguenze che andranno a gravare sull'interessato, anche una volta che sia arrivata la sospirata guarigione. Se il danno riportato è soltanto e fortunatamente temporaneo, a dover essere considerato è proprio il lasso temporale necessario per poter tornare in piena forma. Gli importi, comunque, mutano sulla base delle possibili situazioni, che sono naturalmente diverse l'una dall'altra.

In linea di massima, comunque, possiamo affermare che:

  • in caso di danno temporaneo si parte da un importo di 47,07 euro, da moltiplicare per ogni giornata di inabilità assoluta. In pratica, l'interessato si vedrà corrispondere tale quota per ogni giorno di degenza cui si sarà dovuto sottoporre al fine di ristabilirsi pienamente;
  • se invece il danno si rivela permanente, si partirà da 807,01 euro. Proprio questo è il livello corrispondente al primo punto di invalidità, il quale dovrà essere moltiplicato per ogni punto riconosciuto.

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione auto: cosa fare quando è intestata a un defunto
  2. Auto cointestata e assicurazione: come funziona?
  3. Chi paga i danni in un tamponamento a catena?
  4. Chi sono i terzi per la RC auto e che diritti hanno
  5. Come funziona e cosa copre l'assicurazione auto per la grandine
  6. Come funziona l'assicurazione per le auto aziendali?
  7. Contratto Base RC auto
  8. Controllare l'assicurazione auto tramite la targa
  9. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  10. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  11. Cosa fare in caso di sinistro
  12. Cosa fare quando ci danneggiano l'auto in un parcheggio?
  13. Cosa sono l'attestato di rischio dinamico e il codice IUR
  14. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  15. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  16. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  17. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  18. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  19. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  20. Guidare senza assicurazione: multa e sanzioni
  21. La differenza tra proprietario e contraente della RC auto
  22. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  23. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  24. Quando e perché conviene installare il satellitare auto
  25. Quando l'assicurazione auto non paga i danni?
  26. Quando l'assicurazione risarcisce il colpo di frusta?
  27. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  28. Revisione auto: cos'è e come funziona
  29. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  30. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  31. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  32. SIC-ANIA: la banca dati delle assicurazioni veicoli
  33. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  34. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  35. Assicurazione a km: cosa è e come funziona?
  36. Assicurazione incidente all'estero: cosa fare
  37. Attestato di rischio o ATR
  38. Auto storiche
  39. Classe CU Conversione Universale
  40. Classe di merito: cos’è e come si calcola
  41. Come richiedere un risarcimento
  42. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  43. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  44. Cos'è una polizza
  45. Cosa fare in caso di furto
  46. Cosa fare in caso di incidente
  47. Cos’è e come funziona il bonus malus
  48. Documenti da tenere in auto: quali sono obbligatori?
  49. Esclusione e rivalsa
  50. Eventi atmosferici
  51. Franchigia assoluta
  52. Franchigia relativa
  53. Il massimale di una polizza assicurativa
  54. Il tagliando auto o contrassegno
  55. Incidente con veicoli esteri
  56. Kasko a primo rischio
  57. Kasko a secondo rischio
  58. Kasko a valore intero
  59. La franchigia nelle assicurazioni
  60. La legge sulla RCA
  61. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  62. Lo scoperto assicurativo
  63. Polizza Mini Kasko
  64. Premio assicurativo
  65. Prima di assicurarsi
  66. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  67. Riattivare una polizza
  68. Rinuncia alla rivalsa
  69. Sospensione Polizza Auto: cos’è e come funziona
  70. Assicurazione auto a rate: come funziona
  71. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  72. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  73. Assicurazione cointestata: come funziona e vantaggi
  74. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  75. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  76. Come immatricolare un'auto nuova
  77. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  78. Come compilare il CID
  79. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  80. Come rinnovare la patente
  81. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  82. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  83. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni

Assicurazioni Infortuni

Assicurazione Infortuni

Scegli l'offerta migliore per te

Confronta assicurazioni Infortuni »

Scopri le garanzie accessorie auto

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO