Quando l'assicurazione auto non paga i danni?

Assicurazione non paga il sinistro: rivalsa ed esclusione

Per rivalsa applicata ai contratti di assicurazione auto si intende il diritto che la compagnia assicuratrice ha, dopo aver risarcito il danno alla parte danneggiata, di chiedere un rimborso totale o parziale al proprio cliente, che ha causato l'incidente, in quanto questi ha violato le norme dei codici su citati e/o le condizioni indicate nel contratto.

Possono essere diversi i motivi per i quali viene applicata la rivalsa e sono i seguenti:

  • guida in stato di ebbrezza e/o sotto l'effetto di stupefacenti o psicofarmaci;
  • guida con patente scaduta e/o con revisione dell'auto scaduta;
  • trasporto di un numero di passeggeri superiore a quello indicato sul libretto di circolazione;
  • guida di una vettura sottoposta al fermo amministrativo;
  • guida da parte di una persona non indicata nel contratto se si tratta di una polizza a guida esclusiva.

Casi in cui l'assicurazione non risarcisce

Andiamo ora a esaminare, nel dettaglio, quali sono i casi in cui l'assicurazione non risarcisce. Di seguito, un elenco delle varie situazioni che si possono venire a creare.

Responsabilità del conducente

Il caso più ovvio in cui la compagnia di assicurazione non paga il risarcimento è quello in cui il conducente, quindi il proprio cliente, è il responsabile dell'incidente. In questo caso, il proprietario dell'automobile deve pagare di tasca propria le spese del sinistro e il conducente, anche se si è ferito, non potrà avere alcun indennizzo.

Assicurazione scaduta e incidente con auto priva di assicurazione

Un altro caso in cui non c'è risarcimento da parte della compagnia, è quando il proprio assicurato fa un incidente il 16° giorno successivo alla scadenza della polizza senza averla rinnovata.

Anche in questa situazione, quindi, il proprietario dell'auto dovrà risarcire i danni causati. La vittima dell'incidente, però, può ottenere il risarcimento dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada che poi andrà a rivalersi sul responsabile del sinistro che non ha rinnovato la polizza.

Incidenti falsi e tra familiari

Quando una compagnia di assicurazione riceve la denuncia di sinistro, provvede a fare tutta una serie di accertamenti per verificare, con apposite perizie, se la dinamica dell'incidente descritta nella denuncia è vera e se i punti di scontro indicati, tra le auto e/o con eventuali ostacoli tipo muri e altro, siano esatti.

In caso ci siano delle anomalie e i dati non corrispondono, la compagnia respinge la richiesta di risarcimento dichiarando che si tratta di un falso incidente. In questo caso, il proprietario della vettura può fare ricorso e intentare una causa contro la compagnia di assicurazione per far riconoscere i propri diritti.

Nel caso, invece, di incidenti tra soggetti legati da vincoli di parentela fino al terzo grado, l'assicurazione non copre i danni alle cose ma solo alle persone. Per fa sì che questa regola venga applicata, però, i parenti devono essere conviventi o a carico. I danni fisici, invece, devono essere sempre risarciti.

Guida sprovvisti di cintura di sicurezza

Quando il conducente, non responsabile del sinistro, non indossa la cintura di sicurezza, la compagnia di assicurazione può decidere di non pagare il risarcimento, o di farlo in forma ridotta. Questo perché, ovviamente, ogni compagnia pretende che il proprio cliente adotti uno stile di guida prudente per sé e per gli altri proprio per evitare incidenti.

Guida da parte di un minorenne o di una persona priva di patente

È facilmente comprensibile che, se alla guida dell'auto che causa il sinistro c'è un minorenne o una persona priva di patente, l'assicurazione non risarcirà i danni causati. Verranno pagati solo i danni alle persone ma, successivamente, la compagnia andrà a rivalersi sul proprio cliente.

Incidente con auto non identificabile

Non può essere presentata domanda di risarcimento neanche nel caso particolare in cui il sinistro sia provocato da un'auto che, dopo l'incidente, fugge senza lasciare i propri dati. La persona danneggiata, però, può chiedere di essere risarcito dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada.

Mancanza della relazione di incidente

La relazione di incidente è un documento compilato dalle Forze dell'ordine intervenute subito dopo l'incidente ed è consultabile da entrambe le parti coinvolte nel sinistro, dietro richiesta e pagamento di un'imposta di bollo.

In questa relazione l'assicurato può trovare tutte le informazioni di cui ha bisogno per preparare la domanda di risarcimento danni. Secondo la normativa, la relazione dell'incidente deve essere rilasciata entro 120 giorni dalla data del sinistro.

Disguidi burocratici

Come è facile prevedere, ci possono essere ritardi nel risarcimento dei danni anche per problemi di natura burocratica. Può accadere che una pratica vada smarrita oppure che il liquidatore sia temporaneamente assente. Si consiglia, in questo caso, di sollecitare la compagnia assicurativa affinché la pratica venga accelerata. 

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione auto: cosa fare quando è intestata a un defunto
  2. Auto cointestata e assicurazione: come funziona?
  3. Chi paga i danni in un tamponamento a catena?
  4. Chi sono i terzi per la RC auto e che diritti hanno
  5. Come funziona e cosa copre l'assicurazione auto per la grandine
  6. Come funziona l'assicurazione per le auto aziendali?
  7. Contratto Base RC auto
  8. Controllare l'assicurazione auto tramite la targa
  9. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  10. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  11. Cosa fare in caso di sinistro
  12. Cosa fare quando ci danneggiano l'auto in un parcheggio?
  13. Cosa sono l'attestato di rischio dinamico e il codice IUR
  14. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  15. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  16. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  17. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  18. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  19. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  20. Guidare senza assicurazione: multa e sanzioni
  21. La differenza tra proprietario e contraente della RC auto
  22. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  23. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  24. Quando e perché conviene installare il satellitare auto
  25. Quando l'assicurazione auto non paga i danni?
  26. Quando l'assicurazione risarcisce il colpo di frusta?
  27. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  28. Revisione auto: cos'è e come funziona
  29. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  30. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  31. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  32. SIC-ANIA: la banca dati delle assicurazioni veicoli
  33. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  34. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  35. Assicurazione a km: cosa è e come funziona?
  36. Assicurazione incidente all'estero: cosa fare
  37. Attestato di rischio o ATR
  38. Auto storiche
  39. Classe CU Conversione Universale
  40. Classe di merito: cos’è e come si calcola
  41. Come richiedere un risarcimento
  42. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  43. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  44. Cos'è una polizza
  45. Cosa fare in caso di furto
  46. Cosa fare in caso di incidente
  47. Cos’è e come funziona il bonus malus
  48. Documenti da tenere in auto: quali sono obbligatori?
  49. Esclusione e rivalsa
  50. Eventi atmosferici
  51. Franchigia assoluta
  52. Franchigia relativa
  53. Il massimale di una polizza assicurativa
  54. Il tagliando auto o contrassegno
  55. Incidente con veicoli esteri
  56. Kasko a primo rischio
  57. Kasko a secondo rischio
  58. Kasko a valore intero
  59. La franchigia nelle assicurazioni
  60. La legge sulla RCA
  61. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  62. Lo scoperto assicurativo
  63. Polizza Mini Kasko
  64. Premio assicurativo
  65. Prima di assicurarsi
  66. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  67. Riattivare una polizza
  68. Rinuncia alla rivalsa
  69. Sospensione Polizza Auto: cos’è e come funziona
  70. Assicurazione auto a rate: come funziona
  71. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  72. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  73. Assicurazione cointestata: come funziona e vantaggi
  74. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  75. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  76. Come immatricolare un'auto nuova
  77. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  78. Come compilare il CID
  79. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  80. Come rinnovare la patente
  81. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  82. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  83. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO