02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero

Controllo punti patente guida

L'articolo 126 bis del codice della strada, in vigore dal'1 luglio 2003, regola il sistema italiano della patente a punti. Tale meccanismo prevede che al rilascio della patente di guida, il neo-patentato abbia a disposizione un saldo totale di 20 punti, che verrà successivamente decurtato in caso di infrazioni al codice della strada. Nel caso si esaurissero tutti i punti disponibili sulla propria licenza di guida, a seguito di svariate infrazioni, sarà necessario sostenere nuovamente entrambi gli esami, sia quello di teoria che quello di pratica, per poterne rientrare in possesso e ritornare alla soglia 'standard' di 20 punti. In caso di buona condotta, ovvero se per 2 anni non si sono commesse infrazioni al codice della strada, è possibile guadagnare punti: se ci si trova sotto la soglia dei 20, si rientra in possesso di tutti i 20; chi fosse invece in possesso di venti o più punti, ne riceve altri 2, fino al raggiungimento del massimo di 30 punti.

Come si decurtano punti dalla patente di guida

Potrebbe capitare a chiunque di vedersi sottrarre punti dalla patente di guida, prima o poi, per degli errori commessi mentre si è alla guida. A seconda della gravità dell'infrazione è possibile perdere da 1 a 10, mentre se sono state accertate più violazioni contemporaneamente, al conducente possono essere tolto punti fino ad un massimo di 15. Mettersi alla guida senza cintura di sicurezza, usando il cellulare, passare con il rosso, entrare nelle ZTL senza autorizzazione ed eccesso di velocità sono molti esempi di violazione al codice della strada per i quali i guidatori si vedono decurtare punti dalla patente. Tuttavia, nel caso in cui venga disposto il ritiro della licenza di guida, saranno decurtati tutti i punti previsti dalle singole infrazioni senza attenersi alla limitazione dei 15 punti massimi, com'è previsto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il regolamento per i neopatentati

Per coloro che conseguiranno la patente di guida dopo l'1 ottobre 2003, per i primi tre anni dal rilascio verranno considerati neopatentati. Nel caso di violazione del codice della strada da parte di un neopatentato, i punti decurtati saranno raddoppiati, senza attenersi alla regola dei 15 punti massimi sopracitata. Ad esempio, per un neopatentato, utilizzare il telefono alla guida comporterà quindi una decurtazione di 10 punti dalla patente, anzichè cinque. A partire, invece, dal 13 agosto 2010, tutti i neopatentati che non commetteranno violazione alcuna per un anno, saranno premiati con 1 punto bonus fino ad un massimo di 3. Questo rappresenta un metodo efficace per il recupero punti dei neopatentati.

Cosa succede se il conducente non è il proprietario del mezzo

Nel caso in cui il conducente che commette un'infrazione non sia proprietario del mezzo di cui è alla guida, il codice della strada prevede che: il proprietario del veicolo, ovvero altro obbligato in solido ai sensi dell’articolo 196, deve fornire all’organo di polizia che procede, entro sessanta giorni dalla data di notifica del verbale di contestazione, i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. Ciò significa che nel caso debbano essere sottratti dei punti patente, questi saranno decurtati dalla licenza di colui che era effettivamente alla guida in quel preciso istante. Se, invece, per qualsivoglia motivo non sia possibile riconoscere il conducente al momento della violazione, il verbale è inviato al proprietario del veicolo.

Come previsto dall'articolo 126 bis del codice della strada, se entro 60 giorni non vengono comunicate le generalità del conducente che si trovava alla guida del mezzo al momento dell'infrazione, il proprietario del mezzo dovrà pagare l'importo che corrisponde alla violazione commessa più un'ammenda amministrativa extra, uguale o maggiore di 284€. Il pagamento della somma extra prevede che non siano decurtati punti della patente del proprietario del mezzo, nè da quella di chi era al volante al momento della violazione.

Come si recuperano i punti sulla patente

Il recupero punti patente è un argomento molto importante: dopo un'infrazione, infatti, è possibile riacquistarli attraverso varie attività. La prima è la frequentazione di appositi corsi, ad obbligo di frequenza ma senza esame finale, erogati presso ogni scuola guida. Per le patenti A e B hanno generalmente una durata di dodici ore e consentono di recuperare fino ad un massimo di 6 punti. Per i possessori delle altre patenti, invece, è possibile riottenere anche nove punti, a seguito di un corso di 18 ore. Un'altro sistema per recuperare i punti della patente è non commettere infrazioni per almeno due anni: se, infatti, non si commette alcuna violazione durante questo periodo, il totale dei punti tornerà automaticamente a 20, senza alcun costo. Se, poi, si riuscirà a mantenere i 20 punti per altri due anni, si potranno ricevere due punti bonus, fino ad un tetto massimo di trenta.

Come scoprire quanti punti hai nella tua patente

Scoprire quanti punti hai nella patente è molto facile ed intuitivo. Basta, infatti, registrarsi sul sito web messo a disposizione dal Ministero dei Trasporti, il portale dell'automobilista, seguendo le istruzioni riportate sulla Home Page. A quel punto, collegandosi al portale si avrà l'accesso in tempo reale al proprio saldo punti della patente presso l'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. Oltre a questo, si può chiamare il numero telefonico 848782782, disponibile, però, solamente da telefono fisso e ad un costo pari ad una chiamata urbana, variabile a seconda del gestore.

Vota la guida:
Valutazione media: 3,4 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 19/01/2021

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione a km: quando conviene
  2. Assicurazione auto a rate: come funziona
  3. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  4. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  5. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  6. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  7. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni
  8. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  9. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  10. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  11. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  12. Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione
  13. Come compilare il CID
  14. Come immatricolare un'auto nuova
  15. Come rinnovare la patente
  16. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  17. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  18. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  19. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  20. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  21. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  22. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  23. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  24. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  25. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  26. Revisione auto: cos'è e come funziona
  27. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  28. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  29. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  30. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  31. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  32. Attestato di rischio o ATR
  33. Auto storiche
  34. Bonus-malus: come funziona
  35. Classe CU Conversione Universale
  36. Come richiedere un risarcimento
  37. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  38. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  39. Cos'è una polizza
  40. Cosa fare in caso di furto
  41. Cosa fare in caso di incidente
  42. Cosa fare in caso di sinistro
  43. Esclusione e rivalsa
  44. Eventi atmosferici
  45. Franchigia assoluta
  46. Franchigia relativa
  47. I documenti da portare sempre in auto
  48. Il massimale di una polizza assicurativa
  49. Il tagliando auto o contrassegno
  50. Incidente all'estero: cosa fare
  51. Incidente con veicoli esteri
  52. Kasko a primo rischio
  53. Kasko a secondo rischio
  54. Kasko a valore intero
  55. La classe di merito
  56. La franchigia nelle assicurazioni
  57. La legge sulla RCA
  58. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  59. Lo scoperto assicurativo
  60. Polizza Mini Kasko
  61. Premio assicurativo
  62. Prima di assicurarsi
  63. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  64. Riattivare una polizza
  65. Rinuncia alla rivalsa
  66. Sospendere una polizza

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO