Come compilare il CID

Il CID, oggi meglio conosciuto come CAI, è una constatazione amichevole di incidente. Si tratta di un modello necessario a denunciare un sinistro automobilistico.

Cos'è il CID

Attraverso la compilazione del CID i soggetti coinvolti nell'incidente hanno così la possibilità di appurare la dinamica del fatto. L'automobilista coinvolto nel sinistro suo malgrado, ossia senza che ne abbia colpa, otterrà grazie alla constatazione amichevole il risarcimento, da parte della compagnia assicurativa, dei danni occorsi al veicolo. Qual è dunque il vantaggio conseguente all'utilizzo del modulo blu? Sicuramente un risparmio di tempo.

Quando si compila il CID

Il CID si compila in caso di incidente tra veicoli motorizzati e senza danni alle persone. Solitamente è cartaceo e viene fornito direttamente dalla compagnia assicurativa al momento della stipula della polizza auto o del suo rinnovo. Recentemente, alcune compagnie hanno introdotto il CID in modalità digitale, compilabile e scaricabile direttamente dall’app associata alla compagnia assicurativa.

Come si compila il CID

Il CID, o modulo blu, è composto da due fogli e solitamente ogni modulo di constatazione amichevole è valido per due sole vetture coinvolte. In caso di più auto coinvolte, sarà necessario compilare più CID. Ecco come compilarlo correttamente.

Il primo foglio del CID

Il primo foglio del modulo blu è composto di 3 parti.

Prima sezione: è quella relativa ai dati temporali del sinistro. Si dovranno quindi inserire le seguenti informazioni:

  • Data e luogo dell’incidente
  • Danni materiali
  • Eventuali persone coinvolte
  • Presenza di eventuali testimoni

Seconda sezione: è composta da due colonne e riguardano i dati dei veicoli coinvolti, segnalati come Veicolo A e Veicolo B. Nel dettaglio si dovranno inserire:

  • Dati dell’assicurato
  • Tipo di veicolo
  • Dati della polizza
  • Dati del conducente
  • Punto di impatto sul veicolo
  • Danni subiti

Terza sezione: l’ultima parte del primo foglio serve a descrivere nel migliore dei modi la dinamica e la circostanza dell’incidente e prevede a sua volta due sezioni:

  • questionario: serve a descrivere la circostanza dell’impatto
  • disegno schematico dell’incidente: indicando il senso di marcia dei due veicoli al momento del sinistro e la posizione finale, oltre alla presenza della segnaletica stradale presente sul luogo, si renderà chiara la dinamica dell’incidente.

È importante che nello spazio dove è possibile tracciare un disegno che illustra la dinamica del sinistro venga indicato con esattezza il punto iniziale del contatto che ha provocato l'incidente. Anche se le auto sono rimaste danneggiate in più punti, sarà sempre la zona di impatto iniziale quella più importante, perché necessaria a ricostruire esattamente come si sono svolti i fatti. Solo in seguito si dovranno descrivere gli altri danni visibili occorsi alla vettura.

Non è necessario eseguire una perizia accurata perché potrebbe essere complicato segnalarli tutti, specialmente se l'incidente è avvenuto di notte o comunque in assenza di luce significativa. Sarà in seguito il perito dell'assicurazione a verificare nel complesso i danni al mezzo e a quantificare il risarcimento nella sua interezza.

Secondo foglio

Il secondo foglio contiene tutte le ulteriori informazioni che possono essere utili per descrivere l’incidente, come i dati dei testimoni e le eventuali persone coinvolte.

Cosa fare dopo la compilazione del CID

Dopo aver compilato il CID, le persone con le vetture coinvolte devono consegnarlo alla propria compagnia assicurativa entro i 3 giorni successivi alla data dell’incidente o dal giorno in cui l’assicurato ne è venuto a conoscenza qualora il titolare della polizza non fosse stato coinvolto direttamente nell’incidente.

A chi consegnare il CID

Il CID deve essere consegnato alla propria compagnia assicurativa che, una volta ricostruita la dinamica dell’incidente e dopo aver valutato con un perito la valutazione dei danni subiti, provvederà al risarcimento dei danni entro 30 giorni dalla denuncia.

Perchè conviene compilare il CID

Compilare il CID conviene perché permette di ricevere il risarcimento in tempi molto brevi. Si ricorda però che per la constatazione amichevole non devono essere coinvolte persone ma soltanto veicoli a motore.

Quanto tempo ho per fare il CID

Il CID va consegnato alla propria compagnia assicurativa entro tre giorni dall’avvenuto sinistro o da quando la persona assicurata è venuta a conoscenza dell’incidente. Si tratta di una precisazione doverosa, dato che può capitare che il conducente del veicolo non corrisponda al titolare della polizza.

Cosa succede se trascorrono più di 3 giorni?

Se trascorrono più di 3 giorni è bene denunciare immediatamente il sinistro alla compagnia per procedere con la richiesta di risarcimento dei danni. Infatti, può capitare che sia l’assicurazione stessa a inviare una comunicazione, solitamente tramite raccomandata, in cui si chiede conferma di avvenuto incidente e ricordando all’assicurato che ha il dovere di denunciare il sinistro entro 3 giorni per non incorrere nell’eventuale rivalsa da parte della compagnia.

Quante copie del CID servono?

Il modulo di constatazione amichevole è composta da 4 fogli sovrapposti in carta carbone. Il primo foglio, l’originale, lo consegna chi ha subito il sinistro alla propria agenzia assicurativa; le altre copie sono tenute da entrambe le parti coinvolte e anche il secondo conducente consegna una delle due copie alla propria compagnia.

Il CID online

Recentemente alcune compagnie assicurative hanno messo a disposizione il modulo CAI online nelle proprie App, o sul sito della compagnia sotto forma di PDF modificabile, per facilitare la sua compilazione. In alcuni casi è possibile anche allegare foto e utilizzare la geolocalizzazione per fornire la posizione precisa dell’incidente. Per compilarlo è sufficiente seguire le indicazioni fornite.

Contenuti della sezione

  1. Contratto Base RC auto
  2. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  3. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  4. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  5. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  6. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  7. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  8. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  9. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  10. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  11. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  12. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  13. Revisione auto: cos'è e come funziona
  14. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  15. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  16. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  17. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  18. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  19. Assicurazione a km: cosa è e come funziona?
  20. Assicurazione incidente all'estero: cosa fare
  21. Attestato di rischio o ATR
  22. Auto storiche
  23. Classe CU Conversione Universale
  24. Classe di merito: cos’è e come si calcola
  25. Come richiedere un risarcimento
  26. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  27. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  28. Cos'è una polizza
  29. Cosa fare in caso di furto
  30. Cosa fare in caso di incidente
  31. Cosa fare in caso di sinistro
  32. Cos’è e come funziona il bonus malus
  33. Documenti da tenere in auto: quali sono obbligatori?
  34. Esclusione e rivalsa
  35. Eventi atmosferici
  36. Franchigia assoluta
  37. Franchigia relativa
  38. Il massimale di una polizza assicurativa
  39. Il tagliando auto o contrassegno
  40. Incidente con veicoli esteri
  41. Kasko a primo rischio
  42. Kasko a secondo rischio
  43. Kasko a valore intero
  44. La franchigia nelle assicurazioni
  45. La legge sulla RCA
  46. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  47. Lo scoperto assicurativo
  48. Polizza Mini Kasko
  49. Premio assicurativo
  50. Prima di assicurarsi
  51. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  52. Riattivare una polizza
  53. Rinuncia alla rivalsa
  54. Sospensione Polizza Auto: cos’è e come funziona
  55. Assicurazione auto a rate: come funziona
  56. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  57. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  58. Assicurazione cointestata: come funziona e vantaggi
  59. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  60. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  61. Come immatricolare un'auto nuova
  62. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  63. Come compilare il CID
  64. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  65. Come rinnovare la patente
  66. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  67. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  68. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO