Come compilare il CID

Modulo constatazione amichevole: come funziona

Il CID, oggi meglio conosciuto come CAI, è una constatazione amichevole di incidente. Si tratta di un modello necessario a denunciare un sinistro automobilistico. Attraverso la compilazione del CID i soggetti coinvolti nell'incidente hanno così la possibilità di appurare la dinamica del fatto. L'automobilista coinvolto nel sinistro suo malgrado, ossia senza che ne abbia colpa, otterrà grazie alla constatazione amichevole il risarcimento, da parte della compagnia assicurativa, dei danni occorsi al veicolo. Qual è dunque il vantaggio conseguente all'utilizzo del modulo blu? Sicuramente un risparmio di tempo. Ma come deve essere compilato il CID dell'incidente per essere corretto ed efficace?

Il primo foglio del CID

Il primo foglio Il primo foglio del modulo blu è composto di tre parti. La prima sezione da compilare è quella relativa ai dati temporali del sinistro. Quando si è verificato l'incidente? I soggetti coinvolti avranno cura di indicare giorno, mese e anno, oltre all'orario in cui è avvenuto il fatto. Di seguito dovranno indicare il luogo. Dunque sarà importante compilare il campo relativo al comune e alla provincia oltre a fornire un indirizzo orientativo; per esempio si potrà indicare il civico all'altezza del quale è avvenuto il sinistro. In casi di presenza di soggetti che hanno riportato ferite in seguito all'incidente sarà necessario compilare anche la sezione del modulo intitolata altre informazioni. Se la dinamica è stata tale da coinvolgere anche altre vetture bisognerà compilare anche altri CID. Solitamente ogni modulo di constatazione amichevole è valido per due sole vetture coinvolte.

Una delle prime cose da fare sempre è accertarsi della presenza di eventuali testimoni. Gli istanti successivi all'incidente da questo punto di vista sono fondamentali perché è sempre complicato, se non impossibile, rintracciarli in un secondo momento. I soggetti coinvolti potrebbero non concordare sulla dinamica dei fatti, per questo una parte terza potrebbe essere utile ad appurare la verità e dunque anche le responsabilità. Si dà per scontato che entrambi i soggetti coinvolti siano coperti da una polizza assicurativa di Responsabilità Civile. È buona norma controllare personalmente i dati della polizza relativi all'altra parte, senza affidarsi alle sue indicazioni, perché è davvero necessario essere certi che siano veritieri. Si potrà richiedere gentilmente di consultare in prima persona il tagliando presente sul foglio assicurativo, dato che oggi non è più obbligatorio esporlo sul parabrezza Il modello di constatazione amichevole indica con la parola assicurato ciascun titolare della polizza. Ognuno dei soggetti dovrà indicare il proprio recapito telefonico; la cosa migliore sarebbe fornire almeno due numeri di telefono, il cellulare e il fisso, con la precedenza al recapito a cui è possibile raggiungere il titolare della polizza durante il giorno. L'obiettivo è sempre quello di facilitare la reperibilità delle parti, per rendere più agile il completamento della pratica con piena soddisfazione di tutti. Si arriva così alla parte relativa ai veicoli interessati dal sinistro. È bene indicare non soltanto il modello e la marca del mezzo ma anche lo stato di immatricolazione e il numero di targa in caratteri e cifre che siano leggibili, chiare, in modo che non ci siano dubbi. Nel CID l'assicurazione, ossia la polizza assicurativa, viene indicata con la voce certificato di assicurazione. Per cui la domanda se il certificato copra il titolare anche nel caso di danni materiali al veicolo intende soltanto appurare se l'assicurazione offre una garanzia Kasko, Semi Kasko o Collisione. Il soggetto che al momento era alla guida del veicolo viene citato come conducente. Qualora il titolare della polizza sia anche il conducente sarà necessario compilare in ogni caso tutti campi con i dati richiesti:

  • il nome della compagnia;
  • numero di carta verde o della polizza;
  • durata della polizza;

Il secondo foglio del CID

La seconda parte del modulo di constatazione amichevole raccoglie tutte le altre informazioni importanti:

  • nel caso in cui il sinistro abbia causato feriti;
  • se ci sono stati testimoni;
  • se il titolare della polizza non sia la stessa persona del conducente;

È importante che nello spazio dove è possibile tracciare un disegno che illustra la dinamica del sinistro venga indicato con esattezza il punto iniziale del contatto che ha provocato l'incidente. Anche se le auto sono rimaste danneggiate in più punti, sarà sempre la zona di impatto iniziale quella più importante, perché necessaria a ricostruire esattamente come si sono svolti i fatti. Solo in seguito si dovranno descrivere gli altri danni visibili occorsi alla vettura. Non è necessario eseguire una perizia accurata perché potrebbe essere complicato segnalarli tutti, specialmente se l'incidente è avvenuto di notte o comunque in assenza di luce significativa. Sarà in seguito il perito dell'assicurazione a verificare nel complesso i danni al mezzo e a quantificare il risarcimento nella sua interezza.

Ciascuna delle parti coinvolte dovrà occuparsi delle circostanze dell'incidente che riguardano la sua vettura e la dinamica che l'ha visto coinvolta. Sarà possibile indicare anche più circostanze. Nel modello di constatazione amichevole ne vengono previste diverse: se l'auto era ferma o in sosta, se il conducente aveva aperto la portiera oppure se si immetteva in una piazza a senso rotatorio e tante altre ancora. Sono infatti indicate tutte le dinamiche possibili. Ovviamente se il conducente non riconoscerà alcuna di queste circostanze come valida per il caso in cui è coinvolto potrà sempre farlo nei punti successivi, ossia nel grafico indicato al punto 13 e nella sezione relativa alle osservazioni, al punto 14. Prima di iniziare a disegnare nello spazio relativo al punto 13 è bene eseguire una prova grafica altrove, per essere certi di non dover correggere sul CID eventuali imprecisioni. Infatti un grafico incidente non chiaro, che sia stato corretto più volte risultando confuso, potrebbe inficiare la validità dell'intera constatazione amichevole, col rischio di doverne compilare una seconda, con grande perdita di tempo per tutte le parti coinvolte. Il punto relativo alle osservazioni, invece, ha l'obiettivo di chiarire quello che non è stato possibile rappresentare o indicare nei paragrafi precedenti, nello specifico ai punti 12 e 13. Sarà dunque opportuno sfruttare questo spazio e compilarlo adeguatamente, magari cercando di non ripetere quello che si è già dichiarato ma esporlo più chiaramente.

La sottoscrizione del CID e le copie

A qualcuno potrebbe venire il dubbio che sottoscrivendo il CID ci si possa assumere la responsabilità dell'incidente. Ovviamente non è così. Il modulo costituisce innanzitutto una denuncia di sinistro e in più favorisce un più rapido espletamento della pratica. Prima si appurano le responsabilità prima si potrà ottenere la liquidazione del danno. È sempre bene verificare che anche l'altra parte sottoscriva il modulo, e tenere per sé le prime due copie del CID. Il modulo di constatazione amichevole prevede che ci siano quattro copie, in modo che ciascun conducente ne abbia due. È importante ricordare che una volta compilato e sottoscritto il modulo blu non può più essere modificato. La parte che compila il proprio CID, come detto, dovrà conservare le prima due copie per sé. Cosa fare nel caso in cui l'altro soggetto coinvolto non voglia compilare il modulo di constatazione amichevole? Ovviamente sarebbe ideale avere anche il CID della controparte tuttavia si consiglia di compilare sempre e comunque il proprio CID; in ogni caso è sempre bene cercare di completare il punto 7 e ottenere l'informazione relativa alla compagnia assicurativa dell'altra parte.

Contenuti della sezione

  1. Contratto Base RC auto
  2. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  3. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  4. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  5. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  6. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  7. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  8. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  9. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  10. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  11. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  12. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  13. Revisione auto: cos'è e come funziona
  14. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  15. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  16. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  17. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  18. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  19. Assicurazione a km: quando conviene
  20. Attestato di rischio o ATR
  21. Auto storiche
  22. Bonus-malus: come funziona
  23. Classe CU Conversione Universale
  24. Come richiedere un risarcimento
  25. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  26. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  27. Cos'è una polizza
  28. Cosa fare in caso di furto
  29. Cosa fare in caso di incidente
  30. Cosa fare in caso di sinistro
  31. Esclusione e rivalsa
  32. Eventi atmosferici
  33. Franchigia assoluta
  34. Franchigia relativa
  35. I documenti da portare sempre in auto
  36. Il massimale di una polizza assicurativa
  37. Il tagliando auto o contrassegno
  38. Incidente all'estero: cosa fare
  39. Incidente con veicoli esteri
  40. Kasko a primo rischio
  41. Kasko a secondo rischio
  42. Kasko a valore intero
  43. La classe di merito
  44. La franchigia nelle assicurazioni
  45. La legge sulla RCA
  46. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  47. Lo scoperto assicurativo
  48. Polizza Mini Kasko
  49. Premio assicurativo
  50. Prima di assicurarsi
  51. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  52. Riattivare una polizza
  53. Rinuncia alla rivalsa
  54. Sospendere una polizza
  55. Assicurazione auto a rate: come funziona
  56. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  57. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  58. Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione
  59. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  60. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  61. Come immatricolare un'auto nuova
  62. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  63. Come compilare il CID
  64. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  65. Come rinnovare la patente
  66. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  67. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  68. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO