02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Cosa fare in caso di incidente

In caso d'incidente la cosa più importante è non perdere la calma. Per prima cosa bisogna posizionare il segnale d'emergenza per segnalare l'incidente agli altri automobilisti e poi chiamare il 113, che provvederà anche a mandare i mezzi di soccorso, se servono. È molto importante specificare bene il luogo dell'incidente e, se ci sono, il numero e le condizioni dei feriti.

Non bisogna in nessun caso spostare i mezzi. Anche i feriti non vanno tendenzialmente toccati, a meno che non si abbia la preparazione medica per farlo. Se ci sono testimoni è bene individuarli e raccogliere le loro generalità che torneranno poi utili anche per ricontattarli in seguito. Nel caso in cui il mezzo che ha causato l'incidente si dia alla fuga, bisogna tentare di appuntarsi il numero di targa e ricordare caratteristiche (sesso, età, ecc...) dei suoi occupanti che potrebbero essere utili al riconoscimento del veicolo.

Le autorità provvederanno poi ai soccorsi e al recupero dei veicoli coinvolti: se nell'incidente ci sono delle vittime, i veicoli coinvolti vengono sempre sequestrati per fare i rilievi necessari all'azione penale, che scatta d'ufficio in incidenti con decesso.

Per quanto riguarda le pratiche strettamente assicurative, se si sono verificati danni solo ai mezzi e non alle persone, dopo l'incidente, quando c'è accordo fra le parti, si può compilare il Modulo di Constatazione Amichevole, congiuntamente al guidatore dell'altro veicolo coinvolto. Esso, pur non essendo più necessario per ottenere il risarcimento diretto, ne accelera sensibilmente i tempi.

È estremamente importante comunicare l'incidente alla propria compagnia assicurativa. Bisogna farlo in ogni caso, sia che si abbiano responsabilità, sia che si ritenga di non averne alcuna. È una procedura cautelativa che va effettuata: senza questa segnalazione infatti la compagnia ha il diritto di rifiutare il risarcimento. Il danneggiato che ha subito lesioni fisiche, invece, ha 3 mesi di tempo per presentare querela contro il responsabile. La querela può essere fatta anche contro ignoti, se non si conoscono i diretti responsabili. In questo caso, è il Fondo vittime della strada a provvedere all'eventuale risarcimento. Se non si dispone del modulo compilato (CAI), bisogna comunque raccogliere i dati che servono alla compagnia di assicurazione per liquidare il danno, che sono innanzitutto quelli che riguardano l'incidente: data, ora e luogo. Poi le generalità relative all'altro veicolo coinvolto: modello e targa, ma anche nome, indirizzo e numero di telefono del conducente, nonché le generalità del proprietario, nel caso in cui questi fosse una persona diversa dal conducente nel momento del sinistro, nonché gli estremi della polizza assicurativa. Bisogna poi descrivere lo svolgimento dell'incidente, con il maggior numero possibile di dettagli e anche indicare eventuali feriti e testimoni.

Vota la guida:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 18 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 17/10/2018 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione a km: quando conviene
  2. Assicurazione auto a rate: come funziona
  3. Assicurazione auto per un giorno: come funziona
  4. Assicurazione neopatentati: come funziona
  5. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  6. Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione
  7. Come compilare il CID
  8. Come immatricolare un'auto nuova
  9. Come rinnovare la patente
  10. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  11. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  12. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  13. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  14. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  15. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  16. Revisione auto: cos'è e come funziona
  17. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  18. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  19. Attestato di rischio o ATR
  20. Auto storiche
  21. Bonus-malus: come funziona
  22. Classe CU Conversione Universale
  23. Come richiedere un risarcimento
  24. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  25. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  26. Cos'è una polizza
  27. Cosa fare in caso di furto
  28. Cosa fare in caso di incidente
  29. Cosa fare in caso di sinistro
  30. Esclusione e rivalsa
  31. Eventi atmosferici
  32. Franchigia assoluta
  33. Franchigia relativa
  34. I documenti da portare sempre in auto
  35. Il massimale di una polizza assicurativa
  36. Il tagliando auto o contrassegno
  37. Incidente all'estero: cosa fare
  38. Incidente con veicoli esteri
  39. Kasko a primo rischio
  40. Kasko a secondo rischio
  41. Kasko a valore intero
  42. La classe di merito
  43. La franchigia nelle assicurazioni
  44. La legge sulla RCA
  45. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  46. Lo scoperto assicurativo
  47. Polizza Mini Kasko
  48. Premio assicurativo
  49. Prima di assicurarsi
  50. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  51. Riattivare una polizza
  52. Rinuncia alla rivalsa
  53. Sospendere una polizza

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.