Si scrive Tofaş si legge Fiat

Il re dell'automotive in Turchia

25 luglio 2018
Si scrive Tofaş si legge Fiat

Senza preoccuparsi troppo di rc auto e affini, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rilanciato di recente due impegni giudicati fondamentali per l'automotive del suo Paese: l'auto elettrica e un marchio nazionale. Eppure, la Turchia resta la patria dell'auto a marchio italiano. E' italiano, infatti, il fiore all'occhiello di un'industria trainante come quella dell'auto, con una produzione totale che, nel 2017, ha raggiunto 1,68 milioni di unità (il 14,1% in più rispetto all'anno prima) con 552 mila veicoli commerciali (+3,3%) e 1,1 milioni di auto (+20,3%). L'azienda si chiama Tofaş, acronimo per Türk Otomobil Fabrikası A.Ş ma noi, da questa parte del Bosforo, possiamo leggerlo direttamente Fiat: fondata nel 1968, infatti, è una partnership paritaria, al 37,8%, tra Koç Holding e Fiat Chrysler Automobiles.

Fiat turca, 450 mila veicoli e 10 mila dipendenti. Con il 24,3% del capitale quotato in borsa, Tofaş è l'unica azienda  turca che produce sia auto che veicoli commerciali leggeri: la sede è a Istanbul ma il cuore pulsante è a oltre 230 chilometri, a Bursa, dove sorge lo stabilimento che occupa circa un milione di metri quadri di terreno. Con una capacità produttiva annuale di 450 mila veicoli e circa 10 mila dipendenti, Tofaş è la quarta più grande impresa industriale della Turchia e rappresenta sei marchi: Fiat, Fiat Professional, Alfa Romeo, Jeep, Maserati, Ferrari. Ed è anche uno dei più importanti impianti di produzione di Fiat Chrysler Automobiles oltre ad essere il più grande centro di ricerca e sviluppo di FCA Europe.

Il best seller Tipo. Nello stabilimento di Bursa, girando tra i robot che assemblano i materiali come tanti Charlie Chaplin in Tempi moderni, Tofaş produce i modelli Doblò, Fiorino e, soprattutto, il best seller, la Tipo. Qui la chiamano Egea o Sedan, Tipo è il nome europeo, così come Dodge Neon è quello conosciuto in Messico e nei paesi del Golfo. A livello di veicoli commerciali a fare la parte del leone è il nuovo Doblò, il marchio venduto con il nome di RAM ProMasterCity, prodotto a Bursa anche per Opel e Vauxhall.

2017 anno da record. “Il 2016 è stato un anno record per noi ma anche nel 2017 abbiamo mantenuto la leadership nel settore automobilistico turco. I 384 mila veicoli prodotti hanno rappresentato, da soli, il 23% della produzione totale dell'industria automobilistica turca, garantendo un export production ratio del 69% in 80 paesi. Nonostante una contrazione del 3% del mercato automobilistico turco, l'anno scorso i marchi del portafoglio Tofaş hanno incrementato i volumi di vendita del 12,7%”, sottolinea Erdal Şimşek, direttore dello stabilimento Tofas di Bursa. Da sole, le 120.049 unità vendute con il marchio Fiat, tra auto e veicoli commerciali leggeri, si sono classificate al secondo posto in Turchia con una quota di mercato del 12,6%.

Un export da 29 miliardi di dollari. In Turchia, l'automotive traina l'industria manifatturiera con un export che vale quasi 29 miliardi di dollari. L’Italia è uno dei mercati principali dell'export, col 12% del totale delle esportazioni. Il centro è il distretto industriale sparso tra Istanbul, Kocaeli e Bursa: una zona da 2,8 milioni di metri quadri con 91 impianti e 16.500 occupati. “Nel nostro Paese hanno sede stabilimenti di aziende come Honda, Isuzu, Ford, Toyota. Siamo al 14° posto nel mondo tra i produttori di auto, in seconda posizione per incremento produttivo: nel 2017 l'automotive turco ha fatto registrare un +14%”, spiega Mehmet Büyükekşi, presidente di Tim, Turkish Exporters Assembly, la Confindustria turca.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO