Sanità, liste d’attesa infinite: più di un anno per una visita

L'indagine di Cittadinanzattiva

16 August 2023
Sanità, liste d’attesa infinite: più di un anno per una visita

Ritardi oltre i limiti di legge e tempi che non possono combinarsi con quelli della salute. Se non si passa dal settore privato, anche grazie alle coperture assicurative che possono alleggerire i costi, le liste d’attesa possono essere lunghe, lunghissime.

Cittadinanzattiva ha monitorato quelle relative a sei tipologie di visite specialistiche ed esami diagnostici (visita cardiologica, ginecologica, pneumologica, oncologica, ecografia addominale, mammografia) in 12 grandi ASL di quattro regioni: Lazio, Emilia-Romagna, Liguria e Puglia. La scelta delle regioni deriva dalla disponibilità dei dati. E, per quanto l’indagine non abbia copertura nazionale, offre indicazioni molto chiare, quasi sempre poco confortanti.  

Puglia

La Puglia presenta dati molto negativi. Il rispetto dei tempi di attesa previsti dal Piano nazionale di governo sta diventando una rarità. Ad esempio, nella ASL di Lecce nessuna visita pneumologica con priorità D (che identifica situazioni con possibile aggravamento non in tempi brevi) è garantita entro i 30 giorni previsti. Nell’ASL di Bari, soltanto il 9,4% delle visite ginecologiche e il 14,4% delle ecografie complete all’addome con priorità B (richieste in situazioni di possibile aggravamento rapido) sono garantite entro i 10 giorni previsti. Leggermente migliore la situazione nell’ASL di Taranto, dove – salvo poche eccezioni - i tempi di attesa vengono rispettati almeno nel 33% dei casi.

Liguria

Anche in Liguria la situazione è critica: per una visita cardiologica con priorità D, nell’AS Ligure 1 Imperia si registrano tempi di attesa di 159 giorni. Per una mammografia con priorità P (cioè programmabile entro 120 giorni), nell’AS Ligure 5 Spezzino si arriva addirittura ad aspettare 253 giorni. Non è la prestazione con i tempi d’attesa più lunghi. In alcuni casi con codice B, si supera l’anno di attesa. E per la categoria P (la meno urgente, che si riferisce ai controlli periodici) si arriva a 546 giorni.

Emilia-Romagna e Lazio

La situazione in Emilia-Romagna è sicuramente migliore. Nella regione, il picco negativo è rappresentato dalla visita pneumologica nell’AUSL di Reggio Emilia, dove le tempistiche vengono rispettate nel 39% dei casi.

Anche nel Lazio la situazione si presenta, secondo Cittadinanzattiva, “abbastanza positiva”. Anche se non mancano lacune: un’ecografia addominale completa con priorità B nell’ASL Roma 4 viene effettuata entro i tempi previsti solo in 18 casi su 100.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO