L'insurtech in Italia? Ancora troppo sottovalutato

A fotografare la realtà è un'analisi di Deloitte

29 agosto 2022
L'insurtech in Italia? Ancora troppo sottovalutato

Il futuro delle assicurazioni è già presente. E in un contesto di enormi cambiamenti, l'Insurtech – il settore che combina assicurazioni e tecnologia – è un fattore “essenziale”, oltre che “un fenomeno molto più rilevante di quanto normalmente evidenziato”. Lo afferma un'analisi di Deloitte firmata da Luigi Onorato e Cristiano Camponeschi.

Dalle startup alle grandi imprese

Questa disparità tra la centralità dell'Insurtech e la sua percezione sarebbe dovuta principalmente al fatto che non tutta l'innovazione è riconducibile ai progetti delle startup. Queste ultime, infatti, hanno raccolto, nel 2021, 12 milioni di euro.

Se si estende il perimetro anche alle imprese più mature, si scopre che gli investimenti in Ricerca e Sviluppo destinati all'evoluzione tecnologica hanno superato i 150 milioni di euro. Si tratta di investimenti che hanno coperto diverse aree della “filiera assicurativa”, dalle polizze digitali all'intelligenza artificiale, dalla cybersecurity alle polizze parametriche, fino allo sviluppo di nuovi sistemi per la gestione dei sinistri. 

Tutto questo si è in parte già tradotto in prodotti e servizi sul mercato, rendendo quindi l'Insurtech una realtà capace di garantire “importanti progressi” sia per gli operatori che per i clienti.

Quattro modi per innovare

Senza innovazione, sottolineano Onorato e Camponeschi, non sarebbe stato e non sarebbe possibile affrontare gli enormi cambiamenti che il mondo assicurativo ha davanti a sé: a una situazione geopolitica complessa e incerta si aggiungono nuove abitudini (a partire dalla volontà di abbracciare un lavoro in modalità ibrida), nuove sensibilità (con una crescente attenzione ai temi ambientali e sociali) e un panorama competitivo che Deloitte definisce “fluido”, nel quale si incrociano compagnie tradizionali e “native digitali” provenienti da altri settori.

Da una parte c'è quindi la necessità di aprire a nuove competenze, dall'altra quella di conservare l'esperienza e le peculiarità di un settore specifico come quello assicurativo. Come fare? 

Gli esperti delineano quattro strade: “Stringere una partnership con una startup, in modo da riuscire a rispondere rapidamente e in modo efficace alle opportunità emerse dal mercato nel breve periodo; lanciare un acceleratore per intercettare startup con alto potenziale innovativo ed esplorare potenziali soluzioni per futuri sviluppi delle logiche di servizio; creare un fondo di Corporate Venture Capital per investire in startup innovative attraverso l’acquisizione di quote di partecipazione al capitale; acquisire direttamente una startup, per implementare un’innovazione matura senza seguire tutte le sue fasi di sviluppo”.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO