02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Mondo Assicurazioni

In Italia aumentano i furti d'auto

E' sempre più difficile recuperare i veicoli rubati

2 agosto 2019
In Italia aumentano i furti d'auto

I furti d'auto cominciano a preoccupare gli automobilisti italiani, incidono sull'RC auto in maniera pesante e sono in aumento. Secondo i dati del ministero dell’Interno, infatti, dopo cinque anni di costante calo, nel 2018 sono stati 105.239 gli autoveicoli rubati, il 5,2% in più rispetto ai 99.987 del 2017. Un’inversione di tendenza già di per sé preoccupante, aggravata dalla percentuale dei ritrovamenti, fermi al 40% nel 2018, dal 44% del 2016 e, addirittura, dal 53% del 2007. In sostanza, l'anno scorso si sono perse definitivamente le tracce di oltre 64.000 vetture.

Meno di un minuto per rubare l'auto. Secondo un articolo di Autologia, ormai da qualche anno si sono affiancate alle tecniche più tradizionali di furto alcune modalità hi-tech, attuate con dispositivi di ultima generazione: possono forzare un’auto mettendola in moto anche in meno di 60 secondi.

D’estate, poi, tra caldo e relax da vacanza, i criminali trovano un alleato nella distrazione degli automobilisti. Anche per questo LoJack, leader nel rilevamento e recupero di auto rubate con oltre 2.500 veicoli recuperati ogni anno, quest'estate ha stilato il decalogo dei consigli pratici per limitare il rischio di furto. Consigli che sembrano banali, ma che, invece, possono aiutare a contrastare queste nuove modalità hi-tech di sottrazione.

Mai lasciare l’auto accesa con le chiavi inserite nel cruscotto. Può sembrare il più ovvio dei consigli, eppure è così. Questo non va mai fatto, nemmeno per pochi secondi, per esempio quando si lascia l'auto in doppia fila per comprare il giornale: oggi anche pochi secondi possono essere decisivi per un furto.

Chiudere finestrini e tettuccio prima di scendere. Anche se fa un caldo torrido, è la seconda regola da non scordare mai: il più piccolo spiraglio, infatti, può essere un assist per i ladri, a cui bastano pochi centimetri per introdursi nell’abitacolo dell'auto, mettere in moto e scappare. Terza regola d'oro: non lasciare l’auto, soprattutto di notte, in parcheggi isolati oppure incustoditi. Un aiuto tecnologico è il geofancing, funzione prevista a bordo da alcuni sistemi telematici: attraverso un’App si riceve l'avviso che l'auto sta uscendo dalla zona a rischio mentre il proprietario non è a bordo.

Quarta regola: verificare ogni giorno che l'auto sia parcheggiata nel punto in cui è stata lasciata. Oppure, denunciare con tempestività l’eventuale furto, cosa che aumenta la possibilità di ritrovarla, soprattutto se è dotata di dispositivi di rilevamento hi-tech. Secondo le statistiche stilate da LoJack, dopo 48 ore dal furto le speranze di ritrovare l'auto si riducono drasticamente. Quinto: osservare con molta attenzione il luogo in cui si parcheggia l'auto: se si notano cumuli di frammenti di vetro per terra, meglio cercare un altro parcheggio: questo è in zona a rischio furto o vandalismo.

Meglio non parcheggiare sempre nello stesso posto. È la sesta regola, molto di base ma importante, visto che le abitudini forniscono ai ladri la possibilità di organizzare meglio il furto.

Attenzione alle truffe. Sembra banale, ma sempre più spesso i ladri utilizzano escamotage come il finto incidente: in questo caso usano la tecnica dello specchietto, oppure il lancio di piccole pietre sulla fiancata dell’auto o ancora un lieve tamponamento, solo per costringere il guidatore (soprattutto se si tratta di donne o di anziani) a fermarsi e a scendere dall’auto, intervenendo poi prontamente per sottrargliela.

Occhio all’autogrill e al parcheggio del centro commerciale. Ottava regola: chiudere l'auto a distanza con la smart key va bene, ma è sempre meglio controllare manualmente l’avvenuta chiusura delle portiere. Se nelle vicinanze c'è un ladro, infatti, potrebbe avere disturbato il segnale attraverso un jammer. In questo caso l'auto non si chiude, il ladro entra indisturbato e approfitta della sosta.

Proteggere l'auto con antifurto meccanico, meglio ancora hi-tech. L'antifurto meccanico può scoraggiare il ladro meno attrezzato, il secondo, invece, può rivelarsi prezioso in caso di furto. Sì, perché un sistema in radiofrequenza che non è schermabile ed è attivo anche in situazioni critiche, come per esempio se l'auto viene portata in un container o in un garage sotterraneo, raddoppia la possibilità di recuperare l'auto rubata.

Proteggere la chiave dell'auto. Ultima regola. La chiave della macchina va custodita in un card protector che impedisca la clonazione oppure che blocchi il relay attack, sempre più diffusa modalità di furto d'auto hi-tech: il ladro, utilizzando dei ripetitori in radiofrequenza, riesce a riprodurre la comunicazione tra auto e chiave, anche quando questa è distante.

Vota la la news:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 16/08/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

L'autore

Leggi gli ultimi articoli sul mondo delle assicurazioni pubblicati da Franco Canevesio.

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.