Il passaporto italiano bersaglio dei cybercriminali

Anche la carta d'identità italiana nella top 10

27 November 2023
Il passaporto italiano bersaglio dei cybercriminali

Nuove tecnologie, video fasulli, immagini elaborate. Eppure tra gli obiettivi principali dei criminali informatici restano i cari vecchi documenti d’identità, anche se in formato digitale. Secondo l’Identity Fraud Report di Onfido, nel 2023 la loro falsificazione è aumentata del 18%, arrivando a un numero cinque volte superiore rispetto al 2021. E tra quelli presi di mira con particolare frequenza c’è il passaporto italiano.

I documenti più bersagliati

Le carte d'identità nazionali sono, secondo il rapporto, il bersaglio principale: sono state coinvolte nel 46,8% delle frodi documentali. In Italia, la percentuale degli attacchi diretti alle carte d’identità quasi raddoppia, raggiungendo l’81%.

Questo trend, spiega il rapporto, è dovuto al fatto che non tutte le carte d'identità nazionali sono destinate ai viaggi internazionali e rispettano le linee guida dell'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile. Sono quindi meno protette e più esposte alle frodi. Inoltre, in Italia vi sono ancora in circolazione versioni cartacee dei documenti d’identità, che per loro natura sono più vulnerabili, perché richiedono tecniche di stampa molto meno sofisticate. In sostanza: falsificarle è più facile.

L’altro documento sotto attacco è il passaporto, coinvolto nel 26,7% delle truffe. E se la carta d’identità italiana è nella top ten mondiale dei documenti più bersagliati, il nostro passaporto è addirittura al secondo posto, preceduto solo da quello indiano.

Perché aumentano le frodi digitali

Il report di Onfido evidenzia una vera e propria migrazione delle truffe. Se le contraffazioni digitali sono in forte aumento, infatti, quelle fisiche sono calate del 17%. C’è, prima di tutto, una ragione fisiologica: visto che una porzione sempre più ampia della nostra vita è digitale, non sorprende che lo siano diventate anche le frodi.

C’è però, come spiega il rapporto, anche un motivo tecnico: “La produzione di immagini digitalmente manipolate è diventata sempre più rapida ed economica”. Bastano pochi clic e software semplici, anche gratuiti, per produrre falsi piuttosto complessi.

Per proteggersi, come sempre, il primo antidoto è la cautela: badare con attenzione ai propri dati. Proteggerli con accessi solidi, anche grazie ai sistemi biometrici come le impronte digitali o la scansione dell’iride. E dotarsi tanto di software in grado di prevenire gli attacchi quanto di assicurazioni specifiche che possano tamponare eventuali danni.

Preventivo Assicurazioni

Calcola online il costo della polizza auto e dell'assicurazione moto utilizzando il nostro comparatore assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie assicurative e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto
Assicurazione moto Preventivo Moto
RC Auto: offerte da 113€* Fai un PREVENTIVO