02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Mondo Assicurazioni

Il futuro è l’insurtech, ma bisogna investire di più

L'Italia deve colmare il ritardo al più presto

28 gennaio 2021
Il futuro è l’insurtech, ma bisogna investire di più

Il 2020 ha visto una netta spinta alla digitalizzazione, accentuata dalla diffusione del Covid-19 e dalle conseguenti limitazioni che la crisi ha imposto. Ma come evolverà il settore delle assicurazioni e quali vantaggi trarrà da questa trasformazione?

Secondo Simone Ranucci Brandimarte, presidente dell’Italian Insurtech Association, da qui al 2030 si passerà dal 1,5-2% di polizze digitali ad un 30-40% a livello europeo.

I fattori di crescita

Il mercato digitale è ormai in fase di maturazione. Dal 2010 la percentuale di consumatori che acquista online è quasi triplicata, passando dal 12% al 31%, con un trend in rapida crescita.

La richiesta di soluzioni assicurative digitali è rimasta però, in larga parte, insoddisfatta. I nuovi settori che vanno consolidandosi, come il food delivery, la sharing economy e i nuovi servizi di mobilità, richiedono nuovi bisogni di protezione.

Infine i servizi digitali vedono nell’interoperabilità e nell’offerta assicurativa una possibilità reale per migliorare la qualità del servizio e competere con la concorrenza, generando così nuove fonti di ricavo. Basti pensare ad Airbnb e alle garanzie che offre ai proprietari di case che decidono di affittare attraverso questa piattaforma:

Un esempio chiave: la mobilità

La mobilità è forse il campo in cui è più visibile l'impatto delle nuove frontiere assicurative: automobili connesse, geo-localizzazione e tracciamento degli stili di guida sono solo alcuni dei fattori che possono favorire prodotti assicurativi tagliati su misura per ogni singolo consumatore, portando un valore aggiunto all’offerta.

Questi fattori, uniti alla comodità e alla diffusione degli ecosistemi digitali, porteranno ad una evoluzione del settore. Non a caso Elon Musk, presidente di Tesla, ha annunciato già nel 2019 la nascita di Tesla Insurance, fiutando ampi spazi di crescita in questo settore e promettendo un risparmio fino al 20-30% rispetto alle polizze tradizionali.

La situazione in Italia

Per Ranucci Brandimarte, nel 2019 gli investimenti nel settore si sono attestati a 6,8 miliardi (+62% rispetto al 2018).

Ma questa crescita si è concentrata maggiormente in Usa e in Asia, mentre in Europa si è arrivati a poco meno di 900 milioni investiti.

La fetta Italiana di tali investimenti negli ultimi tre anni è stata del 5% del totale europeo, troppo poco per un Paese importante come il nostro. Secondo la IIA è essenziali colmare questo ritardo al più presto per evitare un gap tecnologico nei prossimi anni.

Ad oggi sono 326 le startup fintech e insurtech nel nostro Paese e quelle legate al mondo assicurativo operano in 21 settori. I più rilevanti sono salute e benessere (29%) e trasporti (26%).

Vota la la news:
Valutazione media: 4,6 su 5 (basata su 15 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 07/03/2021

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO