Mondo Assicurazioni

Auto, le richieste per rilanciare le vendite

Ancora in sofferenza il settore

19 aprile 2021
Auto, le richieste per rilanciare le vendite

Il rimbalzo di marzo non soddisfa i produttori di auto, che rilanciano le proposte su Fisco e incentivi che potrebbero rilanciare il settore.

Lo scorso mese ha registrato 169.684 immatricolazioni di vetture nuove: rispetto al 2020, l'incremento è stato del 497% nel mese e del 28,6% nel trimestre.

Secondo Federauto, però, i dati non raccontano il reale stato di salute del mercato, perché emergono dal confronto con il periodo del lockdown più severo. La Federazione dei concessionari auto rimanda quindi al 2019 per aver un confronto più significativo: rispetto a due anni fa, il calo mensile è del 12,8% e quello trimestrale del 17,1%.

Il comparto, quindi, continua a soffrire, impattando su quelli che accompagnano l'automotive (dai ricambi alle assicurazioni fino al consumo energetico). Ecco perché Anfia, Federauto e Unrae hanno rilanciato alcune richieste.

Una nuova politica industriale

La transizione energetica, non solo elettrica ma anche a idrogeno, e la digitalizzazione delle vetture richiedono enormi investimenti. Una sfida per le aziende, che però chiedono al governo una nuova politica industriale.

Lo strumento su cui fare leva è il Recovery Plan, attraverso il quale sostenere ricerca e sviluppo, investire per la riconversione produttiva, istituire programmi per la riqualificazione delle competenze, estendere il Piano Transizione 4.0 e favorire l'aggregazione delle Pmi.

Fisco più leggero

In Italia, il parco circolante è obsoleto e la quota delle auto aziendali è appena del 36%, metà rispetto a quella tedesca e quasi venti punti percentuali in meno rispetto a Regno Unito e Francia.

Per ridurre le distanze con i principali Paesi europei, servirebbe una riforma della fiscalità auto e “un intervento sulla percentuale di detraibilità dell’Iva per gli acquisti effettuati da aziende e professionisti”. Le associazioni definiscono poi “imprescindibile” una “semplificazione e rimodulazione della tassa automobilistica”.

Incentivi per le auto green

Con l'obiettivo di accelerare la transizione elettrica, Anfia, Federauto e Unrae chiedono al governo di rifinanziare gli incentivi per le autovetture nella fascia 61-135 g/km CO2 e per i veicoli commerciali e di rendere strutturale fino al 2026 l’ecobonus per le autovetture fino a 60 g/km CO2.

Una task force per la rete di ricarica

Per spingere la conversione energetica del parco auto, le immatricolazioni e incentivi non bastano: vendite e investimenti dei produttori devono essere giustificati da una rete di ricarica più capillare.

Anfia, Federauto e Unrae propongono “l’istituzione di una task force pubblico-privata”, formata da ministeri e associazioni competenti.

Vota la la news:
Valutazione media: 4,5 su 5 (basata su 14 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 12/05/2021

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO