Mondo Assicurazioni

Assicurazioni e pandemia: quattro lezioni da ricordare

Sta cambiando il modo di progettare le soluzioni assicurative

27 aprile 2021
Assicurazioni e pandemia: quattro lezioni da ricordare

La pandemia e la crisi economica non sono certo avvenimenti positivi, ma hanno quantomeno accelerato alcuni processi e impartito alcune lezioni.

In un'intervista a Eurofi Magazine, Alberto Corinti, membro del Consiglio dell'Ivass (l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ne ha individuate quattro che riguardano il mondo delle assicurazioni

Il Covid-19, afferma, “ha reso visibili lacune che non sono direttamente correlato alla crisi pandemica”. Erano lì da tempo e avevano solo bisogno di essere evidenziate.

Una tecnologia “sana”

Come molti altri settori, anche le assicurazioni hanno ricevuto una spinta enorme verso la digitalizzazione. Un'accelerazione che sta cambiando il modo di progettare soluzioni, definire i prezzi, distribuire i prodotti e gestire i dati.

“Questi sviluppi – afferma Corinti - possono certamente aiutare a soddisfare meglio le esigenze dei consumatori”, con nuove protezioni assicurative e contratti più snelli. 

Non solo: “L'innovazione informatica potrebbe semplificare il rapporto tra imprese e supervisori”.

Allo stesso tempo, però, emergono nuovi rischi, da quello cyber ai pericoli legali fino a quelli che pregiudicano la reputazione di una compagnia. La sfida per le autorità di vigilanza come l'Ivass è quindi “garantire un uso sano delle tecnologie”.

I consumatori al centro

La seconda lezioni appresa è la necessità di “porre i consumatori al centro”. Si tratta, spiega Corinti, di un principio che vale in ogni mercato e anche in condizioni ordinarie. Ma la pandemia ha confermato che si tratta “dell'unico modo che le aziende hanno per rafforzare e stabilizzare il loro rapporto con i clienti, caratterizzato da una progressiva riduzione dei contatti fisici, in un mercato dinamico con attori innovativi”.

Nuovi strumenti di controllo

L'Ivass ha notato alcune crepe nel sistema di supervisione tradizionale. Corinti sostiene che le “microanalisi” non siano più sufficienti perché troppo focalizzate sul presente. Servono “strumenti lungimiranti”, analisi che guardino “potenziali effetti di lungo termine”, cooperazione a livello internazionale e maggiori poteri d'intervento.

Protezione per famiglie e imprese

L'ultima lezione è forse quella più importante. La pandemia ha evidenziato quello che Corinti ha definito “un significativo divario di protezione”.

Famiglie e imprese stanno fronteggiando una crisi dalle caratteristiche inedite, ritrovandosi in molti casi senza alcuna rete di salvataggio.

Compagnie e istituti di vigilanza dovrebbero quindi chiedersi “come il settore assicurativo possa migliorare la capacità di proteggere la società”.

La sfida è complessa, perché su questo punto convergono diversi aspetti: dalla regolamentazione alla tecnologia, dalla rete di distribuzione all'educazione assicurativa e finanziaria.

Vota la la news:
Valutazione media: 3,4 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 12/05/2021

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO