Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione

Assicurazione auto cointestata: vantaggi e svantaggi

La pratica di cointestare l'auto non è molto diffusa in Italia, ma può avvenire in casi particolari in modo che lo stesso mezzo abbia 2 proprietari. La possibilità di far riportare sull'atto di proprietà dell'auto 2 nominativi è contemplata nella Legge Bersani. Quest'ultima è legata, nell'immaginario collettivo, alla possibilità di ottenere la classe di merito più bassa di un familiare convivente, soprattutto per i neopatentati. In questo modo si può avere un risparmio importante sulla polizza, evitando il rischio di partire dalla classe di merito più costosa, cioè la 14esima. La stessa legge si può applicare anche nel caso dell'assicurazione a fronte di un'auto cointestata. Un'evenienza che richiede il rispetto di particolari requisiti, primo fra tutti quello della convivenza dei 2 proprietari. A questo si aggiunge, come per l'acquisizione della classe di merito, che entrambi risultino sullo stesso Stato anagrafico di Famiglia. Per questo molto spesso tale opportunità offerta dalla Legge Bersani si applica tra genitori e figli, oppure tra coniugi, che hanno l'esigenza di dividere le spese del mezzo, dal pagamento delle rate e quello del premio assicurativo. La legge si applica anche alla cointestazione e assicurazione moto.

Con la Legge Bersani, considerando l'esempio che i 2 proprietari siano padre e figlio, il neopatentato eredita la classe di merito del padre, quindi ci si aspetterebbe che i costi siano più bassi. Invece non accade, in quanto i dati che le compagnie assicurative prendono in considerazione e prediligono quelli del proprietario più svantaggiato, quindi del più giovane e inesperto alla guida. Come accade nel calcolo del premio dell'assicurazione per un neopatentato, che non può avvalersi della legge, il costo diventa molto alto. La giovane età che rientra in una fascia considerata più rischio quanto a numero d'incidenti, quindi l'inesperienza, va a discapito del genitore o comunque dell'altro proprietario. In effetti le compagnie assicurative non tengono conto esclusivamente del guidatore meno esperto, ma si tutelano dal rischio più alto d'incidenti che inevitabilmente rientra nel calcolo probabilistico del premio. Non incide neppure il fatto che il genitore sia nella prima classe di merito, quella a cui tutti gli automobilisti ambiscono, perché di solito garantisce il costo più basso dell'assicurazione auto. Alla luce di quanto detto pare che l'assicurazione di un'auto cointestata non sia conveniente.

Quando è conveniente cointestare l'auto

All'apparentemente potrebbe non esserci un'opzione che appaia conveniente nello stipulare l'assicurazione di un'auto cointestata, specie per il genitore. Quest'ultimo potrebbe evitare di fare questo passo e tenere tutti i vantaggi di una classe di merito bassa. A questo si aggiunge che, nel caso in cui il proprietario più giovane dovesse cambiare residenza e quindi non risultare più sullo Stato di Famiglia, perderebbe la classe di merito acquisita dal padre. Il nuovo premio che andrebbe a pagare partirebbe dalla categoria più alta e quindi più cara. Alla luce di un'analisi più attenta, però, esistono dei vantaggi per l'assicurazione di un'auto cointestata. Il più giovane cointestatario può evitare d'incorrere in una spesa ancora più gravosa dell'assicurazione, se l'altro proprietario cede o comunque rinuncia alla sua classe di merito. È evidentemente un'evenienza abbastanza rara, eccetto nei casi in cui il genitore sia molto anziano o non abbia più intenzione di guidare l'auto per questioni di salute. In questo caso rimarrà anche un solo proprietario del veicolo, che sarà ovviamente il più giovane. Il legislatore che ha posto questa sorta di clausola ha voluto in qualche modo scoraggiare il numero di auto cointestate, ed evidentemente anche ridurre i vantaggi che possono derivare dall'usufruire della Legge Bersani. La cessione della classe di merito potrebbe avvenire anche in caso di vendita di un veicolo cointestato e di acquisto di un'auto nuova. Più precisamente il proprietario più giovane al quale viene donata dal padre o dal familiare la propria classe di merito, potrà avvalersi della stessa anche in questo caso. La nuova auto sarà però di sua esclusiva proprietà. Per rinunciare alla propria classe di merito è necessario produrre una dichiarazione scritta, che attesti la rinuncia.

Contenuti della sezione

  1. Assicurazione a km: quando conviene
  2. Assicurazione auto a rate: come funziona
  3. Assicurazione auto disabili: come accedere alle agevolazioni
  4. Assicurazione auto elettrica: cosa sapere
  5. Assicurazione auto giornaliera: come funziona e quanto costa
  6. Assicurazione per neopatentati: come funziona e come risparmiare
  7. Bollo auto ibride ed elettriche: cos'è e quali sono le agevolazioni
  8. Bollo auto: calcolo, scadenza e pagamento
  9. Cambio gomme: quando e come va effettuato
  10. Carta Verde Assicurazione: cos'è e quando serve
  11. Codice della strada 2020: cosa è cambiato
  12. Cointestare l’auto: come funziona l’assicurazione
  13. Come compilare il CID
  14. Come immatricolare un'auto nuova
  15. Come rinnovare la patente
  16. Contratto Base RC auto
  17. Cos'è e come si calcola il superbollo delle auto di lusso
  18. Cos'è l'attestato di rischio elettronico
  19. Decreto Bersani: le novità in ambito assicurativo
  20. Disdetta assicurazione: come cambiare compagnia
  21. Documento Unico di Circolazione: di cosa si tratta
  22. Eccesso di velocità: limiti, sanzioni e tolleranza
  23. Foglio rosa: assicurazione per la guida
  24. Guida esperta, libera o esclusiva: come scegliere
  25. Negoziazione assistita obbligatoria: cosa sapere
  26. Punti della patente: verifica saldo, decurtazione e recupero
  27. Rc Familiare: cos'è e come funziona
  28. Revisione auto: cos'è e come funziona
  29. Rottamazione auto: cosa c'è da sapere
  30. Sanzioni per cellulare alla guida: legge e sanzioni
  31. Scatola nera auto: cos'è e come funziona
  32. Smarrimento targa auto: cosa fare e tempi di consegna
  33. Visura PRA: cos'è e come ottenerla
  34. Attestato di rischio o ATR
  35. Auto storiche
  36. Bonus-malus: come funziona
  37. Classe CU Conversione Universale
  38. Come richiedere un risarcimento
  39. Conservare la classe di merito in caso di cambio del veicolo
  40. Conservare la classe di merito in caso di incidente
  41. Cos'è una polizza
  42. Cosa fare in caso di furto
  43. Cosa fare in caso di incidente
  44. Cosa fare in caso di sinistro
  45. Esclusione e rivalsa
  46. Eventi atmosferici
  47. Franchigia assoluta
  48. Franchigia relativa
  49. I documenti da portare sempre in auto
  50. Il massimale di una polizza assicurativa
  51. Il tagliando auto o contrassegno
  52. Incidente all'estero: cosa fare
  53. Incidente con veicoli esteri
  54. Kasko a primo rischio
  55. Kasko a secondo rischio
  56. Kasko a valore intero
  57. La classe di merito
  58. La franchigia nelle assicurazioni
  59. La legge sulla RCA
  60. Limitazioni sulla copertura assicurativa
  61. Lo scoperto assicurativo
  62. Polizza Mini Kasko
  63. Premio assicurativo
  64. Prima di assicurarsi
  65. RC Auto e Moto: le regole per risparmiare
  66. Riattivare una polizza
  67. Rinuncia alla rivalsa
  68. Sospendere una polizza

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazione auto Preventivo Auto »
Assicurazione moto Preventivo Moto »

Scopri le garanzie accessorie auto

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO