02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Mondo Assicurazioni

La liberalizzazione contestata

La liberalizzazione contestata

16 febbraio 2012
La liberalizzazione contestata

Come abbiamo già raccontato negli scorsi giorni, i provvedimenti inseriti nel Decreto Liberalizzazioni del governo Monti in tema assicurazioni sono parecchi. L’obiettivo delle varie novità è, come detto, uno solo: contrastare le frodi assicurative rivedendo il sistema di commercializzazione e aumentando la concorrenza tra le compagnie assicurative.

Una delle nuove misure che stanno facendo discutere di più è quella riguardante le opzioni del risarcimento dei danni. In base al decreto i consumatori hanno due possibilità: scegliere il risarcimento in forma specifica, quindi far riparare il danno direttamente dalla compagnia assicurativa che si avvarrà dell'opera di un’officina convenzionata, oppure optare per il tradizionale risarcimento per equivalente, quello che prevede, da parte dell'assicurazione, il pagamento del danno in denaro contante, con un rimborso che però può venire ridotto del 30%.

Proprio quest'ultimo è il provvedimento che ha fatto scatenare le maggiori critiche. Secondo il presidente regionale dei Carrozzieri di Confartigianato in Liguria, Giuseppe Pace, questa disposizione è destinata ad alterare la libera concorrenza nel mercato delle autoriparazioni. In pratica, spiega Pace, l'automobilista che deciderà di far riparare dal suo carrozziere l'auto danneggiata ci rimetterà di tasca sua la differenza del 30%. Per questo Pace ritiene che l’entrata in vigore di questo articolo 30 costringerà i consumatori a pagare di più e alla fine garantirà meno libertà di scelta. “Mi chiedo - afferma Pace - a chi possa giovare questa disposizione, ma soprattutto come si possa anche solo pensare che porti a una liberalizzazione del mercato”. L'unico effetto che otterrà l'applicazione della nuova norma, secondo il presidente dei carrozzieri liguri, sarà “distorcere la concorrenza, violare la libertà di scelta di ogni cittadino e attaccare, in un momento di grave crisi economica come questo, la concorrenza nel mercato dell’autoriparazione, con l'effetto ultimo di pregiudicare la realtà di quelle centinaia di officine che non sono convenzionate con le compagnie di assicurazione”.

Per Pace, solo in teoria i consumatori saranno più liberi di scegliere: gli automobilisti sceglieranno quasi di certo il primo tipo di risarcimento, quello in forma specifica, facendo riparare il veicolo nell'officina convenzionata con la compagnia assicurativa piuttosto che rischiare di vedersi decurtare di un pesante 30% l’assegno dell’assicurazione.

di Franco Canevesio

Vota la la news:
Valutazione media: 4,8 su 5 (basata su 14 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

Altre news:

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.