02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Mondo Assicurazioni

Cosa cambia col contratto base

Contratto base dal 1° Maggio

8 marzo 2013
Cosa cambia col contratto base

Le assicurazioni italiane, si sa ormai, sono le più care d'Europa: in dieci anni, dal 2000 al 2010, da noi l'Rc auto è aumentata in media del 4,6% all'anno mentre in Spagna aumentava del 2,6% annuo, in Francia dello 0,9% e nell'aerea euro del 2,6% all'anno. In Italia questo ha indotto un numero sempre maggiore di guidatori a ridurre l'uso dell'automobile. Per tentare di mettere una pezza a questo problema il Mise, il ministero dello Sviluppo economico  ha annunciato l'introduzione a breve di un contratto base, cioè di una polizza auto standard che sarà definita sulla base delle caratteristiche riguardanti ogni possibile profilo di cliente.

Come è già accaduto col conto corrente base, utile per l'accredito di pensioni, anche la polizza base, una volta varata, dovrà essere inclusa obbligatoriamente nell’offerta di tutte le assicurazioni, in modo da essere presa in considerazione dai consumatori all'atto del preventivo di assicurazione.
Il contratto base ha già incassato l’approvazione del Consiglio di Stato e l'ok della Corte dei Conti e dovrebbe entrare in vigore a partire dal primo maggio di quest'anno. Le finalità del contratto di base sono duplici: consentire di “mettere a confronto più facilmente le varie offerte” e aiutare a “scegliere liberamente” la compagnia assicurativa con cui sottoscrivere l’Rc auto.

Una volta entrato in vigore il contratto base, tutte le compagnie assicurative dovranno proporre ai consumatori l'assicurazione standard. Il premio di questo contratto base verrà definito da ogni assicurazione in base alle caratteristiche del cliente (età,classe di merito,  residenza) e del veicolo che viene assicurato. La formula «base» ha caratteristiche stabilite dalla legge: un massimale minimo previsto per la legge (da 5 milioni di euro con il limite di un milione di euro per i danni alle persone e alle cose), nessuna franchigia, una tariffa bonus malus, la guida libera (cioè il veicolo è comunque assicurato indipendentemente da chi lo guida) e  nuovi limiti per quanto riguarda le rivalse delle compagnie assicurative nei confronti degli assicurati. Queste ultime scattano  soltanto nei casi più gravi: guida in stato d'ebbrezza oppure consumo di droghe.

di Franco Canevesio

Vota la la news:
Valutazione media: 4,1 su 5 (basata su 9 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

Altre news:

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni e scegli la polizza più conveniente per il tuo veicolo. Confronta i preventivi di più compagnie e risparmia, bastano solo 3 minuti.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.