02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Assicurando: il blog di Assicurazione.it

RC nessuna differenza fra sessi

Premi uguali per uomini e donne

30 novembre 2012

Nuovi criteri per differenziare i premi. Potrebbe essere questo l’escamotage per ovviare alla regola imposta dall’Unione europea di livellare i premi delle assicurazioni rc auto (e non solo) tra uomini e donne. La sentenza della Corte di giustizia Europea nella causa C-236/09 del 1° marzo del 2011 ha interpretato definitivamente l’applicazione della Direttiva 2004/113/CE nel settore delle polizze. Secondo l’avvocato generale non è compatibile con i diritti fondamentali riconosciuti dell’Unione europea il fatto che nei contratti di assicurazione si tenga conto, a titolo di fattore di rischio, del sesso dell’assicurato. Il principio da applicare obbligatoriamente in tutti gli Stati membri, a partire dal 21 dicembre 2012, è che le compagnie di assicurazione dovranno trattare in modo paritario uomini e donne, sia per il prezzo sia per le prestazioni assicurative.

A questo punto quali saranno gli effetti? Escluso un livellamento verso il basso, gli scenari prospettabili potrebbero essere tre.

Tre ipotesi sul tavolo

Fare una media dei premi applicati oggi, con diminuzione generalizzata per gli uomini e aumento per le donne. Far pagare minori premi a chi è statisticamente più incline a essere coinvolto nei sinistri come i maschi mal si concilierebbe con la ratio che c’è alla base della sottoscrizione di una polizza: a maggiori rischi corrispondono costi maggiori. Soluzione invece probabile nel breve periodo secondo l’ordine degli attuari, i professionisti cui sono affidati i calcoli per la definizione delle tariffe assicurative.

Aumentare la tariffa per tutti, allineandola a quella attuale applicata agli uomini, il che penalizzerebbe soprattutto le donne, che invece sono statisticamente più prudenti alla guida, usano meno l’auto per lavoro (e per le polizze sanitarie e previdenza, si ammalano meno e hanno una maggiore aspettativa di vita).

Ma ci potrebbe essere una terza strada da intraprendere, più lunga e complessa. Individuare i veri fattori legati alle abitudini di guida e non al fattore sesso, su cui riparametrare i premi, come per esempio ampliare la forbice tra uso del mezzo ai fini lavorativi o per il tempo libero, la percorrenza chilometrica e il tipo di strade solitamente percorse (urbane o extra) e via discorrendo.

Contratti vecchi, nuovi e tacito rinnovo: cosa accadrà?

Oltre ai nodi da sciogliere relativi ai premi, sorge un ennesimo dubbio interpretativo: la nuova regola vale per tutti i contratti o soltanto per quelli sottoscritti a partire dal 21 dicembre?

Molto dipenderà dalla scelta relativa al nuovo criterio di quotazione dei premi. Ma comunque è probabile che i vecchi contratti non saranno toccati.

Tuttavia, il dubbio potrebbe sorgere per i contratti sottoscritti precedentemente a tale data che però prevedano il tacito rinnovo. Ma qui il legislatore italiano ha tagliato subito (e involontariamente) la testa al toro.

In base al cosiddetto Decreto Crescita bis, che ha rivisto alcune norme relative alle assicurazioni per la responsabilità civile auto, a partire dal 1° gennaio 2013 diventerà inefficace il tacito rinnovo e, di conseguenza, l’adeguamento dei premi alle vecchie polizze. E a tal proposito, gli automobilisti dal nuovo anno dovranno stare più attenti, perché abolito il tacito rinnovo saranno conseguentemente aboliti anche i 15 giorni  di “tolleranza” successivi alla scadenza in cui veniva comunque mantenuta la copertura in caso di sinistro.

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Silvio Nobili

Foggiano, laureato in Giurisprudenza alla Luiss Guido Carli di Roma, avvocato e giornalista, da anni si occupa di questioni legate alla concorrenza, alle Autorità indipendenti e alle novità di internet. Ha lavorato nella redazione di ItaliaOggi e Capital e collaborato con numerose testate tra cui Corriere della sera Magazine, Mf/MilanoFinanza, AffariItaliani.it, ClassCnbc tv, l'Agenzia di stampa Italpress.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.