02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00
Assicurando: il blog di Assicurazione.it

Confrontare polizze è più facile

Polizza standard e comparabile

5 novembre 2012

Si chiama “contratto base” ed è una delle novità del decreto legge del 18 ottobre 2012, n. 179 che ha introdotto misure urgenti per favorire la crescita del Paese, il cosiddetto decreto crescita digitale.

Cosa prevede: ogni compagnia dovrà proporre un «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei  veicoli a motore e dei natanti, che contenga le clausole minime necessarie per essere a posto con gli obblighi di legge e la proposta del prezzo/premio.

Un decreto del Ministro dello sviluppo economico, sentite la neonata Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni  private e di interesse collettivo) che prenderà il posto dell’Isvap, l'Associazione nazionale tra le imprese assicuratrici (Ania) e le principali associazioni rappresentative degli intermediari assicurativi, andrà a stabilire le caratteristiche specifiche di questo contratto. Oltre alla copertura dei danni verso terzi, dovranno essere verosimilmente contemplati il contributo al sistema sanitario nazionale e le tasse. E stop.

Il contratto base dovrà essere articolato secondo classi di merito e profili dell’assicurato (giovane/esperto, attestato di rischio intonso o meno) e saranno anche definiti i casi di riduzione del premio e di ampliamento della copertura applicabili.

Il tempo per introdurlo sarà molto breve: entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del  decreto. L’obiettivo è di favorire una scelta contrattuale maggiormente consapevole da parte del consumatore.

Dalle banche alle assicurazioni

Il legislatore, visto l’aumento annuale dei premi e le difficoltà per i consumatori di districarsi tra le offerte del mercato e il loro prezzo al pubblico, ha deciso di adottare una politica di semplificazione mutuata dal settore bancario.

Come avvenuto negli ultimi cinque anni per i mutui e per i conti correnti, è stato introdotto una sorta di indicatore sintetico di costo, un’unica voce che aiuti a comparare i premi stabiliti in libertà dalle compagnie per lo stesso trattamento minimo offerto.

Ovviamente le compagnie potranno aggiungere in maniera modulare ulteriori coperture e servizi, indicandone il costo a parte. Il Legislatore forse ha voluto ratificare un metodo già in atto nella prassi. Di fatto già avviene per i siti di comparazione delle offerte come Assicurazione.it che con una “spunta” permettono di aggiungere o togliere condizioni e clausole al pacchetto, aggiornando immediatamente il premio finale e l’eventuale scontistica applicabile.

Internet al centro

Altra novità sarà proporre il contratto obbligatoriamente tramite il sito internet della compagnia assicurativa, ma sempre con il vincolo di utilizzare il modello elettronico predisposto dal Ministero dello sviluppo economico, con un solo prezzo complessivo finale, senza asterischi né maggiorazioni dell’ultimo secondo.

Trattandosi il decreto crescita di una normativa che incentivi la concorrenza e l’innovazione tecnologica in molti settori, entro massimo 150 giorni dalla sua entrata in vigore, le compagnie dovranno creare online un’area riservata ai clienti, che permetta ai cittadini sottoscrittori della polizza di accedere alla propria situazione assicurativa e aver modo di consultare le coperture in essere, le condizioni contrattuali in corso, i pagamenti effettuati o da farsi e l’agenda delle scadenze.

Il legislatore forse non sa che è una prassi frequente per le compagnie che operano fuori dai canali tradizionali di sportello…

Commenti

    Nessun commento

Scrivi un commento

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Il profilo dell'autore

Silvio Nobili

Foggiano, laureato in Giurisprudenza alla Luiss Guido Carli di Roma, avvocato e giornalista, da anni si occupa di questioni legate alla concorrenza, alle Autorità indipendenti e alle novità di internet. Ha lavorato nella redazione di ItaliaOggi e Capital e collaborato con numerose testate tra cui Corriere della sera Magazine, Mf/MilanoFinanza, AffariItaliani.it, ClassCnbc tv, l'Agenzia di stampa Italpress.

Assicurazioni confrontate

I servizi di confronto di Assicurazione.it non riguardano solo il mondo auto e moto: ecco la lista completa dei prodotti a tua disposizione.