Reale Mutua Assicurazioni

Assicurazioni auto e moto Reale Mutua Assicurazion

È la più importante e grande società assicurativa italiana organizzata in forma di mutua. È a capo di altre quattro compagnie assicurative divise tra l’Italia e la Spagna e controlla il Gruppo Reale Mutua, uno tra i principali gruppi assicurativi sul territorio nazionale. Ad oggi in totale sono oltre 350 le agenzie monomandatarie, che diventano 800 se si prende in esame l’intero gruppo assicurativo. Reale Mutua Assicurazioni è stata fondata nel 1828 a Torino, e può vantare una lunga storia fatta di esperienza e attenzione al cliente, lungo la quale si è rivolta ai suoi assicurati utilizzando la massima trasparenza e senza mai venire meno ai propri valori e alla propria mission aziendale.

Polizza RC auto Reale Mutua Fai un preventivo »

Diversi i vantaggi connessi a questa particolare forma societaria: una società mutua non ha azioni, non è quotata in borsa e, banalmente, non ha azionisti. Per diventarne socio basta sottoscrivere una polizza, condizione minima per godere dei benefici e dei vantaggi connessi allo status. Quanto all’aspetto societario in senso stretto, essere una mutua significa slegarsi dalle speculazioni e dalle incertezze della Borsa, godere di una maggiore autonomia finanziaria e decisionale ed essere maggiormente indipendenti, al riparo da possibili incursioni di cordate e patti di sindacato. Reale Mutua Assicurazioni da sempre ha precisato che la sua mission principale non è solo offrire polizze che ben si adattano alle esigenze del mercato, quanto immaginare, progettare e realizzare attorno a queste ultime tutta una serie di servizi ad alto valore aggiunto.

La storia

La prima "Società Reale di Assicurazioni generale e mutua contro gli incendi" viene fondata il 31 dicembre 1828 a Torino, allora capitale del Regno Sabaudo. Pochi giorni dopo e il re, Carlo Felice, che già in precedenza aveva manifestato pubblicamente il proprio assenso all’iniziativa, sottoscrive la prima polizza, finalizzata ad assicurare la residenza di Palazzo Chiablese. La Società inizia a crescere e, già quattordici anni dopo, al ramo incendi aggiunge la tutela contro le calamità atmosferiche.

Sono gli anni in cui il Regno di Sardegna procede, passo dopo passo, all’unificazione dei territori italiani, e in questo processo di crescita e di consolidamento dell’ideale nazionale, Reale Mutua Assicurazioni si inserisce fondando, nel 1859, il suo primo ufficio di rappresentanza a Milano e poi inaugurando numerose altre agenzie in tutto il nord Italia.

Nel 1861, raggiunta faticosamente l’unità d’Italia, Reale Mutua inizia le sue operazioni nel resto della penisola partendo dal Centro e proseguendo via via verso le isole. Nel 1867 vengono inaugurate le prime sedi in Veneto (Rovigo, Vicenza e Venezia), mentre per aprire i primi uffici romani bisognerà attendere il 1870, quando la città capitolina entrerà a far parte – diventandone la Capitale – del Regno d’italia. Già al momento dell’apertura della sede campana di Napoli, avvenuta diciannove anni dopo, gli uffici Reale Mutua saranno oltre sessanta in tutta la penisola.

Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX Reale Mutua Assicurazioni conosce un periodo di sviluppo inarrestabile, che porta inevitabilmente a una riorganizzazione del Gruppo. Già alla fine della Prima Guerra Mondiale i soci hanno toccato quota 400 mila, esattamente il doppio rispetto a soli trent’anni prima. Accresciuto anche l’impegno sociale, specie a conflitto in corso: durante la guerra delle trincee vengono destinare ingenti somme di denaro per assistere i combattenti al fronte, le famiglie, e tutti i soggetti colpiti duramente dalla guerra.

A partire dagli anni ’20, quando il Paese sta vivendo una delle crisi economiche più strazianti della sua storia, il Gruppo assicurativo decide di allargare il proprio spettro d’azione. La ragione sociale viene modificata nell’attuale “Società Reale Mutua di Assicurazioni”; inoltre vengono inaugurati i nuovi rami Infortuni, Responsabilità civile, Danni, Furti e Vita. Le agenzie sparse sul territorio crescono fino a raggiungere il centinaio.

Dopo la parentesi della Seconda Guerra Mondiale, per Società Reale Mutua di Assicurazioni viene il periodo del lento consolidamento. Fino a oggi, quando può vantare un milione e 400 mila soci assicurati, con un ammontare di premi diretti pari a 1,5 milioni di euro e investimenti patrimoniali pari a 6,4 milioni di euro, 350 agenzie per un totale di 1.227 dipendenti.

I prodotti RC Auto

Auto Reale Evoluzione: è la formula che mette a disposizione del socio un numero maggiore di classi di merito e quindi consente di beneficiare di una maggiore riduzione del premio. Tra le diverse opzioni è possibile scegliere: Responsabilità civile (che protegge tra le altre cose i danni arrecati dai passeggeri trasportati), Danni (incendio, furto, vandalismo, eventi naturali, cristalli), Patente garantita (rimborsa i costi per recuperare i punti patente perduti), Infortunio del conducente, Assistenza legale (sia civile che penale), Assistenza in viaggio.

Fuoriclasse Reale: è la soluzione pensata per gli assicurati “storici” che non hanno avuto incidenti. Per accedervi bisogna appartenere almeno alla sesta classe di merito, avere in corso un contratto RC Auto e non aver causato incidenti con colpa negli ultimi otto anni. Tra i benefici che Fuoriclasse Reale offre: il blocco della tariffa RC Auto, la certezza di non subire penalizzazioni nel caso di un incidente con colpa, il mantenimento di tutti i benefit previsti dalla polizza precedente. Oltre alle coperture previste dalla polizza, sono comprese le principali tutele, tra cui patente garantita, danni, infortuni del conducente, assistenza legale, assistenza in viaggio.

Auto Storica Reale è la soluzione assicurativa pensata per tutti i possessori auto e veicoli storici. Offre un ampio ventaglio di garanzie, assieme alla RC Auto: incendio, furto, atti vandalici, calamità naturali, guasti parziali e primo rischio assoluto, cristalli, tutela legale, assistenza in viaggio, infortuni del conducente e altri tipi di garanzie. In più i possessori di veicoli storici possono far rientrare sotto questa polizza tutti i veicoli a loro intestati.

Vota la compagnia:

Valutazione media: 4,4 su 5 (25 voti)

Preventivo Assicurazioni

Calcola il prezzo della tua assicurazione auto o moto utilizzando il nostro comparatore di assicurazioni. Bastano 3 minuti!

Informazioni su Reale Mutua Assicurazioni

  • Sottoscrizione telefonica
  • Sottoscrizione online
  • Rete agenti
  1. Volumi assicurati: 1.227.457.000
  2. N. telefono Assistenza Clienti: 800.320.320
  3. N. telefono Assistenza Sinistri: 800.320.320
  4. Sede legale: Via Corte d'Appello, 11 - Torino
  5. Sede operativa: Via Corte d'Appello, 11 - Torino
  6. Fax: 011.7425420
  7. Centro liquidazione danni: Vai al sito

News su Reale Mutua Assicurazioni

La polizza Nautica Reale

Le assicurazioni non sono necessarie soltanto per i mezzi di trasporto tradizionali ma anche per le barche è necessario avere una copertura di responsabilità civile. Sul mercato si trovano molte soluzioni, gettonatissime in questo periodo di vacanze: tra queste spicca Reale Nautica, di Reale Mutua

pubblicato il 18 agosto 2014

Commenti su Reale Mutua Assicurazioni

  1. giudizio positivo

    posso dire solo cose positive di Reale Mutua: dispinibili,seri, completi. Non è la più economica ma per me la migliore

    commento di gabriele del 24/04/2014

  1. la migliore

    la migliore di sempre

    commento di andrea del 17/04/2014

  1. assicurazione migliore

    me l'hanno consigliata e ora la consiglio a tutti! ho pagato poco, ho avuto i servizi che volevo e quando li chiamo mi rispondono!

    commento di paula del 17/04/2014

  1. Re:Meglio le compagnie tradizionali

    Mah, io nel frattempo sono passata a Direct Line. Pago di meno… tanto le garanzie diventano carta straccia quando ti vengono addosso e fai il primo incidente…

    commento di Assunta del 30/06/2008

  1. Meglio le compagnie tradizionali

    Io sono convinto che le compagnie on line e via telefono siano ancora molto arretrate rispetto alle tradizionali… ci vorrà tempo prima che si possano definire concorrenziali

    commento di Alfonso del 20/06/2008

Scrivi un commento